Primo piano

Podcast K44

Normativa

Procura Torino apre inchiesta su rider

I rider tornano in primo piano in due occasioni. La prima è l'apertura di un fascicolo modello 45, ossia un'indagine esplorativa senza indagati o ipotesi di reato, sugli aspetti di sicurezza e di rispetto delle norme igienico-sanitarie da parte della Procura di Torino. I magistrati hanno dato l'incarico al Reparto radiomobile della Polizia Locale di svolgere controlli su strada a campione per chiedere ai ciclo-fattorini come svolgono il loro lavoro e come sono gestiti dalle piattaforme online. Anche la Procura di Milano ha aperto qualche settimana fa un'indagine analoga.
Di ciclo-fattorini si è parlato anche nell'incontro sul rinnovo del contratto nazionale Logistica, Trasporto merci e Spedizioni che è avvenuto all'inizio di novembre tra i sindacati e le associazioni datoriali. Secondo la Filt Cgil per i rider bisogna affrontare i temi dei ritmi di lavoro e dell'impatto del commercio elettronico sulla loro attività, ribadendo l'importanza del rapporto di lavoro subordinato con l'applicazione del contratto nazionale. Al termine dell'incontro è stato redatto un calendario di due giorni consecutivi sino a marzo 2020.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Autotrasporto

Logistica

Mare

  • Collegamenti traghetti a rischio per mancanza di liquidità

    Collegamenti traghetti a rischio per mancanza di liquidità

    La sospensione dei viaggi passeggeri sui traghetti causata dell’emergenza sulla Covid-19 può causare entro breve tempo il dissesto finanziario delle compagnie di navigazione, fermando anche il traffico merci. Assarmatori lancia l’allarme.