TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Volvo pronta al camion elettrico medio-pesante

E-mail Stampa PDF

Il costruttore svedese ha iniziato la vendita degli autocarri della categoria media a trazione completamente elettrica per usi urbani e si sta preparando per quelli destinati all'autotrasporto regionale e al rifornimento dei cantieri.


Volvo trattore elettrico prototipo stradaNel settembre 2019, Volvo Trucks ha annunciato l'inizio delle vendite in Europa delle versioni elettriche dei modelli medio-leggeri FL e FE, progettate per la distribuzione urbana delle merci e per i servizi municipali, come per esempio la raccolta dei rifiuti solidi. Oggi il costruttore svedese ha annunciato lo sviluppo di modelli di portata maggiore, adatti per il trasporto regionale delle merci e per il rifornimento dei cantieri edili nelle aree abitate. La Casa non fornisce dettagli, ma il video diffuso il 10 dicembre 2019 mostra per la distribuzione regionale sua una motrice, sia un trattore agganciato a un semirimorchio a due assi, con una cabina che riprende lo stile del pesante FH, mentre per l'edilizia mostra motrici allestite con vasca ribaltabile e pianale per macchinari. "Con i nostri concept truck, intendiamo esplorare e dimostrare diverse soluzioni per il futuro, valutando al contempo il livello di interesse del mercato e della società", spiega Roger Alm, presidente di Volvo Trucks. "Per aumentare la domanda di autocarri elettrici, l'infrastruttura di ricarica deve essere rapidamente ampliata, mentre devono essere creati incentivi finanziari più forti per i trasportatori che agiscono da pionieri scegliendo nuovi veicoli con una minore impronta ambientale e climatica".


Lars Mårtensson, direttore Ambiente e Innovazione di Volvo Trucks precisa che "In Europa c'è un numero enorme di autocarri utilizzati per il trasporto merci regionale che hanno un chilometraggio medio annuo di 80mila chilometri. Ciò significa che un maggiore uso di veicoli elettrici per la distribuzione regionale comporterebbe notevoli vantaggi climatici, a condizione che l'elettricità sia priva di combustibili fossili". Secondo Mårtensson, la velocità dell'elettrificazione dell'autotrasporto dipende da alcuni elementi: "Da un lato, è necessaria un'ampia espansione dell'infrastruttura di ricarica e dall'altro è necessario garantire che le reti elettriche regionali possano fornire una capacità di trasferimento sufficiente a lungo termine. Sono necessari anche incentivi finanziari per indurre un maggior numero di trasportatori a investire in veicoli elettrici. I committenti del trasporto possono contribuire offrendo contratti più lunghi e pagando di più per i trasporti sostenibili. Molti trasportatori hanno margini molto ridotti, quindi ogni nuovo investimento deve essere redditizio".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 694

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca