TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Grande America ha affondato 2210 veicoli e 365 container

E-mail Stampa PDF

Il 14 marzo 2019 Grimaldi ha fornito il bilancio del naufragio della con-ro Grande America, avvenuto dopo un incendio nel Golfo di Biscaglia. Ora la compagnia tiene sotto controllo la zona di mare interessata per contenere un eventuale inquinamento.


Incendio Grimaldi Grande America poppa  fntMarineNationaleQuando è affondata, il 12 marzo 2019, la con-ro Grimaldi Grande America navigava con un consistente carico di rotabili, container e merci generiche, imbarcato ad Anversa e Amburgo. Il suo lungo viaggio verso sud prevedeva toccate a Casablanca (Marocco), Dakar (Senegal), Conakry (Guinea), nei porti brasiliani di Suape, Vitoria, Rio de Janeiro, Santos e Paranagua, poi a Zarate (Argentina) e Montevideo (Uruguay). L'armatore ha precisato oggi che i suoi garage ospitavano 2210 veicoli, di cui 1298 nuovi, usciti dagli stabilimenti di alcuni costruttori europei, mentre i ponti ospitavano 365 container, stivati sul ponte superiore (esterno) e i restanti sul ponte più basso. Di questi, quelli con merci pericolose, secondo la classificazione Imo, erano 45, di cui 34 stivati sul ponte superiore e il resto all'interno della nave. "Con riferimento al trasporto di merci classificate Imo, il Gruppo Grimaldi ha in atto da tempo una politica molto severa, ben oltre i requisiti di classe per questo tipo di nave, con oltre cento tipologie di merci espressamente vietate (inclusi esplosivi, materiali radioattivi, corrosivi e tossici, ecc.)", precisa la compagnia.
Grimaldi annuncia di avere avviato una procedura anti-inquinamento con l'invio sul punto dell'affondamento la nave specializzata Union Lynx, che sta verificando qualsiasi fuoriuscita di carburante dalla Grande America e sta organizzando il recupero dei container che stanno galleggiando. Inoltre, un gruppo di esperti nel campo dei sinistri marittimi e della prevenzione dell'inquinamento è già a Brest per controllare la situazione ambientale e consigliare ulteriori misure, in coordinamento con le autorità francesi. Infine, Grimaldi svolgerà un'indagine sottomarina del relitto, che giace a 4600 metri di profondità, usando la Pourquoi Pas, dotata di un moderno ROV (Remotely Operated Vessel), un sottomarino a comando remoto.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1962

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed