TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Affondata la Grimaldi Grande America

E-mail Stampa PDF

Nel pomeriggio di martedì 12 marzo 2019 la con-ro dell'armatore italiano si è inabissata dopo il vasto incendio scoppiato nella notte tra il 10 e l'11 marzo mentre navigava nel Golfo di Biscaglia. L'intero equipaggio è sbarcato incolume a Brest.


Incendio Grimaldi Grande America sera fntMarine NationaleLe operazioni antincendio iniziate nel pomeriggio di ieri non hanno salvato la con-ro Grimaldi Grande America, che oggi pomeriggio è affondata. Lo annuncia la tessa Grimaldi, precisando che "la scorsa notte le autorità francesi hanno deciso di sospendere le operazioni antincendio, poiché la nave aveva iniziato a inclinarsi considerevolmente". Le fiamme sono scaturite nella notte tra domenica e lunedì "da merce stivata sulla nave" e in un primo momento il comandante aveva girato la prua verso la costa spagnola, sperando di portare la nave al sicuro. Però le attività antincendio iniziate dall'equipaggio non sono bastate a contenere le fiamme e il comandante ha ordinato l'evacuazione della nave su una scialuppa di salvataggio, che poi è stata recuperata dalla nave militare britannica HMS Argyll in difficili condizioni del mare. Il salvataggio è riuscito e tutti i 26 marittimi, più un passeggero, sono arrivati incolumi nel porto francese di Brest.
Nel frattempo, Grimaldi ha affidato le operazioni antincendio alla società specializzata Ardent. Il rimorchiatore d'altura Union Lynx ha lasciato Vigo (nel nord della Spagna) durante la notte dell'11 marzo con a bordo una squadra di salvataggio composta da dieci uomini, e sarebbe dovuta giungere sul luogo dell'incidente alle 20:00 (ora locale) di oggi. Nello stesso tempo, il rimorchiatore antincendio Terasea Hawk aveva lasciato Rotterdam l'11 marzo con arrivo previsto per domani sera. "Sfortunatamente, per il peggioramento delle condizioni climatiche e l'inclinazione della nave sempre più significativa, la Grande America è affondata oggi alle 15:26 (ora locale), circa 140 miglia nautiche a sud-ovest di Brest, nella posizione 46 04 '8 N 05 47' 4 W e a una profondità di 4.600 metri", scrive la compagnia italiana.
Grimaldi precisa di essersi "immediatamente attivata, in pieno coordinamento con le autorità francesi, per prevenire qualsiasi potenziale danno all'ambiente marino derivante dall'affondamento della nave". La società esprime anche "la sua sincera gratitudine ed apprezzamento alle autorità francesi per la loro dedizione e professionalità nella supervisione e nel coordinamento delle operazioni di salvataggio in tali circostanze. Un simile ringraziamento va anche alla Royal Navy e, in particolare, all'equipaggio della HMS Argyll, per aver soccorso e messo in sicurezza l'equipaggio e il passeggero della Grande America".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 2663

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed