Array ( [0] => 13 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

UPS potenzia distribuzione in Francia


L'importanza della nuova piattaforma logistica è dimostrata dalla presenza alla posa della prima pietra del primo ministro francese. L'impianto sostituirà due esistenti di dimensioni minori, posti a Chilly-Mazarin e Savigny, creando cento nuovi posti di lavoro dal 2018, anno in cui diventerà operativo. "Il sito sarà un'eccellente vetrina per la tecnologia automatizzata di smistamento pacchi di UPS, in grado di ridurre al minimo il tempo di transito verso la destinazione finale", scrive l'azienda in una nota.
La piattaforma avrà un'area operativa di circa 30mila metri quadrati e 950 dipendenti. La tecnologia all'avanguardia consentirà di smistare fino a 37mila pacchi all'ora, grazie a 124 baie di carico e scarico e 125 postazioni di parcheggio per i camion UPS adibiti alle consegne. La nuova struttura di UPS – che sorgerà a cavallo di due Comuni, Corbeil-Essonnes e Evry - soddisferà i requisiti necessari ai fini dell'ottenimento della certificazione internazionale LEED (Leadership in Energy and Environmental Design) di livello Silver. Inoltre il centro utilizzerà diversi veicoli elettrici e/o a gas naturale e sarà alimentato da fonti di energia rinnovabile.
"La Francia è un mercato chiave per UPS e la costruzione di questa nuova struttura a sud di Parigi conferma il nostro impegno verso l'economia del paese e dell'Europa" ha dichiarato Mike Harrell, Managing Director di UPS France. "Corbeil-Essonnes e Evry sono due centri economici del dipartimento di Essonne, con oltre duemila imprese di ogni dimensione. Attraverso il nostro network integrato intendiamo aiutare tali aziende a crescere offrendo loro rapido accesso ad altri mercati, esterni al dipartimento".
"Siamo ottimisti circa il potenziale di crescita dell'Europa e questo investimento in Francia, il più consistente mai effettuato da UPS nel Paese, rientra nel nostro programma di investimenti da due miliardi di dollari in atto in Europa" ha dichiarato Nando Cesarone, presidente di UPS Europe. "Con la crescita dell'e-commerce e del business transfrontaliero, in 19 Paesi europei, Francia compresa, stiamo riducendo fino a due giorni i tempi di consegna del nostro servizio transfrontaliero più conveniente. I nostri clienti si affidano al network UPS per portare la loro attività nell'economia globale odierna in cui il commercio transfrontaliero offre opportunità reali di crescita".
Lo scorso febbraio, UPS ha inaugurato un centro da 28 milioni di dollari nell'area LioneJonage. UPS sta inoltre potenziando il proprio network europeo per offrire una riduzione di 24-48 ore sui tempi di consegna programmata con il servizio UPS Standard. Tale soluzione, molto utilizzata dagli store online francesi, è la più economica in caso di spedizione transfrontaliera. "Partecipiamo attivamente all'economia francese da oltre 30 anni e riteniamo che questi investimenti dimostrino il nostro impegno verso le aziende locali che quotidianamente ci accordano la loro fiducia" ha dichiarato Harrell.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

  • Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio

    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio

    A due anni dalla sua introduzione in Italia, il servizio di trasporto espresso di pallet Astre Plus si espande anche all’estero. Il direttore Davide Napolitano spiega le caratteristiche che lo distinguono dai servizi tradizionali e i vantaggi per affiliati e clienti.

Videocast K44

Autotrasporto

Logistica

Mare

  • Tirrenia vuole chiudere alcune rotte con la Sardegna

    Tirrenia vuole chiudere alcune rotte con la Sardegna

    L’amministratore delegato di Tirrenia, Massimo Mura, ha annunciato che dal 1° dicembre la compagnia eliminerà alcuni collegamenti in regime di continuità territoriale con la Sardegna a causa dell’incertezza sulla proroga della convenzione.