Array ( [0] => 13 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Pubblicata la radiografia dell’intralogistica


Dopo circa un anno di lavoro, nel mese di luglio 2017, è stato presentato a Milano il Libro Bianco per il comparto della movimentazione e della logistica in Italia. Si tratta del primo studio – accurato e preciso – che offre un quadro sullo stato di salute di tutte quelle aziende attive nel settore e presenti sul territorio nazionale. L'obiettivo della ricerca è di fornire uno strumento efficace a tutti gli operatori, per comprendere l'evoluzione dello stesso e adottare, di conseguenza, le più utili strategie imprenditoriali. L'iniziativa è stata realizzata da Aisem (Associazione italiana sistemi di sollevamento, elevazione e movimentazione) in collaborazione con Anima (Federazione delle Associazioni nazionali dell'Industria Meccanica) e con il supporto scientifico del Politecnico di Milano.
Il Libro Bianco, che ha coinvolto oltre trecento aziende italiane (iscritte ad Aisem), è stato redatto sulla base di dati pubblicamente disponibili, messi a disposizione da enti ed istituti: Aida per i bilanci delle imprese; Istat, Eurostat, e UnComtrade per il commercio internazionale e infine la banca dati dell'Agenzia delle Entrate. Dall'analisi dei trend di vendita, dei bilanci societari, della produzione e della redditività emerge la seguente situazione: nel comparto carrelli l'Italia è tra le prime cinque posizioni a livello mondiale come produttore ed esportatore e la maggiore concentrazione di questo tipo di imprese è in Emilia Romagna, Veneto, Lombardia e Piemonte. Il prodotto più ricercato è il carrello industriale e le aziende lavorano principalmente con una produzione "make to order" (fabbricazione solo dopo l'ordine), dando importanza alle innovazioni tecnologiche come manutenzione e monitoraggio della flotta a distanza. Sempre più spesso si ricorre al noleggio e non alla vendita e l'80 percento del mercato è nelle mani di quattro aziende (Jungheinrich, Linde, Om Still e Toyota).
Per quanto riguarda il settore sollevamento sono state analizzate 174 imprese, la cui maggioranza risiede in Lombardia. L'80 percento del mercato diretto è costituito da PMI e nel 90 percento dei casi il cliente conosce e cerca direttamente l'azienda. Infatti, i rapporti commerciali sono frutto di relazioni di lunga durata. In questo ambito industriale la modernizzazione del prodotto è un punto debole, le macchine hanno una lunga durata (mediamente venti anni) e quindi è nella volontà esclusiva dell'imprenditore/produttore apportare quei miglioramenti in linea con le attuali esigenze (riduzione dei consumi e impatto ambientale). I mercati maggiormente ricettivi sono gli Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Francia e Austria, mentre l'Italia è il secondo importatore in Germania, dopo la Cina.
Le aziende del settore gru mobili rappresentano un numero esiguo rispetto all'intero mercato della movimentazione e logistica. Le società si raggruppano principalmente nel nord della penisola e l'Italia occupa il quinto posto tra i Paesi esportatori verso gli Stati Uniti. Il cliente è un noleggiatore e quella delle gru è un area che vede lo spostamento delle strategie commerciali, dal prodotto al servizio.
Infine, sono 49 le imprese monitorate nel ramo scaffalature (industriali, leggere e commerciali), aziende che esportano in Europa una quota pari al 76 percento, mentre negli Stati Uniti solo il 2 percento. Gli elementi critici del comparto sono la mancanza di forza del marchio, l'alto livello di burocrazia che soffoca il mercato italiano e le diverse normative a livello locale e regionale che obbligano il produttore a personalizzare il prodotto per ciascun cliente, razionalizzando la catena produttiva e distributiva.

Davide Debernardi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    Cinque sigle dell’autotrasporto chiedono un incontro al Governo per affrontare i problemi degli autotrasportatori dell’acciaio che lavorano con l’ArcelorMittal, soprattutto il ritardo dei pagamenti e la revisione delle condizioni contrattuali.

Logistica

  • Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Dopo i 107 casi di positività al coronavirus, i controlli dell’Ausl di Bologna hanno rivelato almeno diciotto persone positive che operano nella vicina piattaforma Tnt. I sindacati chiedono provvedimenti per fermare il contagio.

Mare

  • Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Il sindacato di base SiCobas ha bloccato per alcune ore l’accesso del terminal container del porto di Napoli Conateco nell’ambito di una vertenza contro il licenziamento di alcuni lavoratori. Ripercussioni anche nella viabilità cittadina.