Array ( [0] => 13 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Ceva Logistics lancia l’Ipo da 1,5 miliardi di franchi svizzeri


Ceva Logistics ha pubblicato l'offerta, il prospetto di quotazione e l'inizio del bookbuilding, elementi necessari alla quotazione al SIX Swiss Exchange. L'Ipo è formata da un'offerta fino a 29,9 milioni di azioni nominative di nuova emissione come offerta base e fino a 2,5 milioni di azioni nominative di nuova emissione come opzione di assegnazione (Over-Allotment). L'intervallo di prezzo per le azioni nominative di nuova emissione offerte, del valore nominale di 0,10 franchi svizzeri ciascuna, è stato fissato da 27,50 a 52,50 franchi svizzeri, ossia con una capitalizzazione di mercato complessiva da circa 1,5 miliardi a 1,8 miliardi di franchi. Dal primo giorno di negoziazione, l'azienda sarà gestita da un nuovo Consiglio d'amministrazione formato da otto amministratori, di cui sei indipendenti, presieduto da Rolf Watter.
Nei giorni scorsi la compagnia marittima CMA CGM si è impegnata a investire una cifra variabile tra 380 e 450 milioni di franchi svizzeri per acquistare obbligazioni convertibili pari al 24,99% del capitale azionario emesso e in circolazione di Ceva Logistics. In una nota, Ceva spiega che "i proventi dell'Ipo e del collocamento privato concorrente forniranno una maggiore flessibilità finanziaria per accelerare la crescita al fine di rimborsare il debito e ridurre il debito a 2,5-3,0 x debito netto / ebitda rettificato. Ciò dovrebbe consentire a Ceva di sbloccare ulteriori opportunità di crescita con i clienti esistenti e nuovi e comportare minori oneri finanziari. A seguito del deleveraging e dei previsti miglioramenti della redditività, Ceva prevede di generare flussi di cassa interessanti".
Ceva aggiunge di avere concesso alle banche sindacali un'opzione di Over-Allotment, esercitabile per trenta giorni di calendario dopo la prima data di negoziazione, in base alla quale possono acquistare fino a 2,5 milioni di azioni nominative di nuova emissione. L'opzione di Over-Allotment può essere aumentata fino a un numero tale di azioni che rappresentano il 15% del totale di azioni nominative di nuova emissione vendute nell'Ipo e in nessun caso supererà tale soglia. I tre attuali azionisti di Ceva Logistics – ossia i fondi di investimento gestiti da società affiliate di Capital Research and Management Company, Franklin Advisors e Apollo Global Management - rimarranno nella società dopo l'Ipo e hanno accettato un periodo di lock-up di 180 giorni dal primo giorno di negoziazione.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    Questo episodio di K44 La voce del trasporto spiega che cosa si deve fare, che cosa non si deve fare e che cosa è consigliato fare nel caso un veicolo industriale sia coinvolto in un incidente di qualsiasi tipo.

Logistica

  • Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    La Guardia di Finanza di Parma ha sequestrato undici milioni di euro a due cooperative del Gruppo Taddei che operano nella logistica per evasione fiscale. Occupano quasi un migliaia di persone, tra soci e dipendenti.

Mare

  • Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Alla Camera è in corso la discussione su un emendamento al Decreto Rilancio che stabilisce con chiarezza l’impossibilità dell'autoproduzione nelle operazioni di rizzaggio e derizzaggio dei traghetti. E si scalda lo scontro tra armatori e sindacati.