Primo piano

  • Camion nel mirino della criminalità

    Camion nel mirino della criminalità

    Il TT Club e Bsi hanno redatto un rapporto sui furti e le rapine nel trasporto e nella logistica in tutto il mondo. Per quanto riguarda l'Europa, la gran parte degli attacchi avviene nei confronti dei veicoli industriali.

Podcast K44

Normativa

Aponte spiega la strategia Msc nella logistica italiana


Durante la prima assemblea annuale della nuova associazione di categoria Assarmatori l'ospite d'onore, o per meglio dire il padrone di casa a guardar bene il peso delle sue società rispetto al resto della base associativa, era certamente Gianluigi Aponte. Il fondatore di Mediterranean Shipping Company, secondo vettore mondiale nel trasporto marittimo di container, si è concesso per qualche minuto alla stampa partendo dal porto di Genova. "Sul nuovo terminal di Bettolo stiamo andando avanti, cerchiamo di fare le cose concrete. C'è un po' di ritardo ma è normale. Difficile dire quando verrà sbarcato il primo container, penso nel giro di sei o sette mesi» ha dichiarato l'armatore. Non è però parso preoccupato dalla lentezza con cui progrediscono le nuove opere infrastrutturali nel capoluogo ligure: "Sul porto di Genova io non vedo problemi di investimenti. Il problema del ponte Morandi è stato risolto molto bene, problemi logistici secondo me non ce ne sono. Quindi non è cambiato niente. Su Genova continuerò a investire tutto quello che sarà necessario, non all'infinito ma quello che è strategico per noi".
Concordando con Fabrizio Palenzona, presidente di Conftrasporto, sul fatto che né Genova né Trieste oggi posso essere considerati hub portuali in grado di servire i mercati del Centro Europa, ("In Italia da quel punto di vista siamo ancora indietro"), il patron di Msc ha dedicato poi la sua attenzione ai portuali di Gioia Tauro: "Penso che problemi con i lavoratori non ce ne siano. Sono contenti ed entusiasti che il porto di Gioia Tauro sia stato ripreso da noi e noi ci aspettiamo da loro una grande contribuzione, stiamo investendo moltissimo e siamo sicuri che risponderanno positivamente. Noi faremo di Gioia Tauro sicuramente il primo terminal nel Mediterraneo, questo è sicuro". Ciò avverrà come scalo per il transhipment ma anche come porto di origine e destinazione finale: «Come porto gateway c'è da vedere, se riusciamo a realizzare un collegamento fra Gioia Tauro e il Nord Italia e anche con l'Europa un domani sicuramente potrebbe esserci un futuro.
Rispondendo a una specifica domanda sull'inizio delle attività in Italia di Medlog, Aponte ha risposto che "stiamo cercando di sviluppare tutto ciò che è terrestre, laddove è strategico per noi. La progressiva integrazione verticale anche dei servizi a terra noi non la possiamo fare a livello mondiale, la faremo piano piano con Medlog. Ma non è sicuramente il nostro intento quello di fare la parte mare e la parte terra. Attiveremo la parte terrestre solo dove riteniamo che sia strategico, necessario ed economico per noi. Ma non si può fare a livello mondiale".
A proposito delle nuove navi ro-pax annunciate un anno fa per Grandi Navi Veloci Aponte ha rivelato che la definitiva formalizzazione degli ordini è congelata: "I piani di sviluppo sono sempre gli stessi ma sono cambiati i prezzi del cantiere. Per questo stiamo discutendo". L'armatore di origini sorrentine, ma residente a Ginevra, in Svizzera, afferma anche di non temere l'ingresso sul mercato di Amazon e ritiene che il trasporto marittimo di container difficilmente potrà consolidarsi ulteriormente: "Forse pochissimo. Vedo magari un apparentamento dell'alleanza One con Hapag-Lloyd".

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Autotrasporto

  • Camionisti scioperano in Senegal contro il racket dei controlli

    Camionisti scioperano in Senegal contro il racket dei controlli

    Gasolio troppo caro, mancanza di aree di sosta per riposare e controlli su strada da parte della Polizia che si traducono nel pagamento di tangenti: questi sono i motivi che hanno spinto migliaia di autisti di camion senegalesi a spegnere i motori il 19 febbraio 2020.

Logistica

  • Il coronavirus si avvicina alla logistica italiana

    Il coronavirus si avvicina alla logistica italiana

    Il primo focolaio italiano del virus Covid-19 è stato rilevato nella provincia di Lodi, una delle aree più importanti per la logistica e il trasporto delle merci. Una quarantena in queste piattaforme potrebbe causare gravi disagi alla supply-chain. Serve un piano d’emergenza anche per questo settore, essenziale al rifornimento di …

Mare

  • Cma Cgm cancella alcune partenze verso l’Italia

    Cma Cgm cancella alcune partenze verso l’Italia

    La compagnia marittima francese Cma Cgm ha ridotto le partenze di portacontainer dalla Cina a causa del coronavirus e alcune di queste coinvolgono anche i porti italiani. La compagnia francese mette in guardia anche sulle criticità legate ai container refeer nel Paese asiatico.