Array ( [0] => 24 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Il Canter elettrico si mette all’opera

Fuso, controllata dal Gruppo Daimler, è l'unico marchio che vende un camion elettrico con massa complessiva fino a 7,5 tonnellate e ha inaugurato una nuova fase con la consegna a quattro clienti tedeschi dei primi esemplari europei della nuova generazione dell'e-Canter. Hanno ricevuto le chiavi del camion elettrico i rappresentanti di Dachser, DB Schenker, DHL e Rhenus. Questi operatori hanno già sperimentato in reali condizioni di lavoro questo modello e ora lo introducono nelle loro flotte nell'ambito dei loro programmi di riduzione delle emissioni inquinanti nella distribuzione urbana.
Dachser ha preso due e-Canter per svolgere consegne nell'ultimo miglio, mentre DB Schenker ne usa uno per consegne cargo a Berlino e altri due per servizi di distribuzione vari. DHL ne ha acquisiti due per trasporti locali di carichi relativamente pesanti (come pallet) svolti a Berlino dalla Divisione DHL Freight e quattro per la Divisione DHL Paket per le consegne. Questi sei e-Canter elettrici ne sostituiscono altrettanti con motore diesel. Rhenus Group usa i suoi tre veicoli per il trasporto di materiali vari dal suo hub di Hoppegarten a clienti situati sempre nella capitale tedesca. Tutti i veicoli sono stati acquisiti con noleggio a 24 mesi.
La consegna simbolica delle chiavi è avvenuta a Berlino ed è stata l'occasione per illustrare la strategia di Fuso (che rientra in quella più ampia del Gruppo Daimler) nella trazione elettrica per l'autotrasporto delle merci. Per comprendere l'importanza dell'elettrico, basti pensare che Daimler sta costruendo uno stabilimento per la produzione delle batterie automotive (dalle vetture ai camion) in Germania, con un investimento di 500 milioni di euro. Al prossimo Salone di Hannover, a settembre, Mercedes presenterà lo Sprinter elettrico che affiancherà, con diverse caratteristiche operative, l'e-Canter nella logistica urbana.
Questa generazione di e-Canter (definita 1.0) è stata presentata nel settembre 2017 e Fuso prevede di consegnarne 500 esemplari ad alcuni clienti selezionati, mentre la produzione in larga scala inizierà nel 2019. Alcuni esemplari lavorano già negli Stati Uniti per Ups e in Giappone per Seven-Eleven e Yamato Transport, che ha una flotta di 25 unità. Fuso ha annunciato che nel 2019 presenterà una nuova generazione del piccolo camion elettrico.
Il Gruppo Daimler crede molto nella trazione elettrica, al punto che sta coprendo l'intera filiera: non solo la catena cinematica, compresi gli assali, ma anche la produzione delle batterie, tramite la controllata Deutsche Accumotive, i sistemi di ricarica tramite la partecipata ChargePoint, fino ad arrivare al riciclo delle batterie non più adatte all'uso su veicoli ma ancora buone per applicazioni stazionarie con la controllata Mercedes-Benz Energy, mentre la ricerca di nuove tecnologie è svolta dalla start-up israeliana StoreDot.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    Questo episodio di K44 La voce del trasporto spiega che cosa si deve fare, che cosa non si deve fare e che cosa è consigliato fare nel caso un veicolo industriale sia coinvolto in un incidente di qualsiasi tipo.

Logistica

  • Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    La Guardia di Finanza di Parma ha sequestrato undici milioni di euro a due cooperative del Gruppo Taddei che operano nella logistica per evasione fiscale. Occupano quasi un migliaia di persone, tra soci e dipendenti.

Mare

  • Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Alla Camera è in corso la discussione su un emendamento al Decreto Rilancio che stabilisce con chiarezza l’impossibilità dell'autoproduzione nelle operazioni di rizzaggio e derizzaggio dei traghetti. E si scalda lo scontro tra armatori e sindacati.