Array ( [0] => 14 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Hupac acquisisce il 44% dell’interporto di Novara


Il più importante interporto piemontese e uno dei principali nodi del corridoio che collega Genova con Rotterdam entra nella sfera di Hupac, che lo aggiungerà così al principale terminal intermodale lombardo, quello di Gallarate-Busto Arsizio, controllando gli hub del trasporto ferroviario intermodale dell'Italia nord-occidentale. L'occasione è stata la gara indetta da Finpiemonte Partecipazioni, la società finanziaria della Regione Piemonte che ha il 30.06% della Cim, la società che gestisce l'Interporto di Novara. Il bando prevedeva la cessione dell'intera quota di Finpiemonte e di quella del 13,80% in mano alla Sito, società che gestisce l'interporto di Orbassano (Torino) e che a sua volta è partecipata da Finpiemonte. In tutto, quindi, la gara prevedeva la cessione del 43,86% del Cim.
La prima scadenza per le offerte era l'11 marzo 2019, poi prorogata all'8 aprile, con una base d'asta di 17,4 milioni di euro. L'unica offerta giunta a Finpiemonte porta la firma di Combiconnect, società controllata dalla svizzera Hupac, che ha offerto 17,5 milioni di euro per l'intero pacchetto azionario in vendita. Nei prossimi giorni si concluderà la cessione con l'aggiudicazione definitiva. La stessa Hupac è già azionista del Cim, con una quota del 4,41%, che però non le basta per raggiungere il 51% insieme con Combiconnect.
Resta però ancora aperta la cessione delle quote del Cim appartenenti al Comune e alla Provincia di Novara che detengono, rispettivamente il 16,88% e il 3,64% delle azioni. Le due amministrazioni hanno esercitato il diritto di recesso, che impone l'acquisto delle loro azioni da parte della società partecipata, ossia il Cim stesso. Ma il prezzo stabilito dal Comune e dalla Provincia è contestato dal Cim e quindi la decisione sulla cifra è passata a un perito nominato dal Tribunale. Una volta che il perito stabilirà il valore delle azioni, che sarà insindacabile, l'amministratore delegato del Cim chiederà ai soci se sono interessati all'acquisto e il diritto è proporzionale alle quote detenute.
Ciò significa che l'azionista di maggioranza, ossia Combiconnect, potrà acquistare un altro venti percento e diventare quindi azionista di maggioranza assoluta ed è probabile che lo faccia, altrimenti non avrebbe senso l'acquisito delle azioni in mano alla Regione. Gli altri principali azionisti del Cim sono la società autostradale Satap, controllata dal Gruppo Gavio - che ha il 24,31% e che prima dell'ingresso di Combiconnect era il secondo azionista subito dopo Finpiemonte - il Banco Bpm di Milano con il 13,80%, Banca Intesa Sanpaolo con il 3,65%, Plc con il 2,65% e l'Associazione Industriali di Novara con il 2,55%.
Finpiemonte ha anche indetto un bando di gara per la cessione delle sue azioni nell'Interporto di Rivalta Terminal Europa, pari al 4,73% del capitale, con un prezzo di base di 504mila euro, che è scaduto il 20 marzo senza alcuna offerta. Quindi, la finanziaria dovrà decidere se tenere le azioni o proseguire la vendita. Non è invece prevista alcuna azione per la quota del Sito, dove Finpiemonte ha la maggioranza della azioni (52,74%), mentre le altre quote sono divise tra Socotras e Mercitalia Logistics.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Come cambia il cabotaggio stradale nella UE

    Come cambia il cabotaggio stradale nella UE

    L’approvazione definitiva del Primo Pacchetto Mobilità porta alcune modifiche alle regole del cabotaggio stradale, con lo scopo di evitare che diventi l’attività principale di alcune aziende di autotrasporto. Quattro giorni di “raffreddamento” tra un periodo e l’altro nello stesso Paese.

Logistica

  • Arrivano in Europa i camion a idrogeno di Hyundai

    Arrivano in Europa i camion a idrogeno di Hyundai

    La coreana Hyundai Motors ha spedito in Svizzera le prime dieci unità del suo veicolo industriale Xcient Fuel Cell alimentato a idrogeno, che fa parte di un lotto di 50 esemplari che entro il 2020 saranno operativi nella Confederazione elvetica.

Mare

  • Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Il sindacato di base SiCobas ha bloccato per alcune ore l’accesso del terminal container del porto di Napoli Conateco nell’ambito di una vertenza contro il licenziamento di alcuni lavoratori. Ripercussioni anche nella viabilità cittadina.