Array ( [0] => 12 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Primo traguardo per il tunnel del Brennero


Con lo scavo degli ultimi metri del cunicolo esplorativo si conclude il principale cantiere, il primo effettivamente operativo e non preliminare, avviato sul suolo austriaco del tunnel di base del Brennero che fa parte del lotto chiamato Tulfes-Pfons. I lavori partiti nel settembre 2015 con una fresa (TBM aperta) hanno raggiunto a luglio 2019 i 15 km previsti dal progetto, il massimo avanzamento in profondità nella roccia sotto le Alpi Retiche orientali. Il cunicolo esplorativo è solo uno degli elementi che fanno parte di questo lotto austriaco del valore di 380 milioni di euro assegnato all'Ati tra Strabag e Salini-Impregilo. In estrema sintesi, il tunnel di base del Brennero si compone di due canne principali, ognuna delle quali è lunga circa 55 km e ospita un singolo binario di corsa e di un cunicolo esplorativo scavato in posizione mediana poco sotto il tracciato ferroviario con funzioni sia di ricognizione geologica, sia di galleria di servizio.
Il lotto Tulfes-Pfons, oltre al cunicolo esplorativo comprende la galleria di soccorso di oltre 9 km realizzata lungo l'esistente circonvallazione ferroviaria merci di Innsbruck (aperta nel 1994, lunga poco meno di 13 km), per elevare i livelli di sicurezza secondo gli standard attuali in quanto il tunnel era stato costruito a una sola canna. Direttamente connessa con la circonvallazione del capoluogo del Tirolo è stata realizzata la galleria di collegamento con il futuro tunnel di base del Brennero lunga 6 km che confluisce nella fermata di emergenza di Innsbruck ricavata all'interno della montagna. Il lotto si completa con una tratta delle due gallerie principali, estesa per 7 km, oltre a una serie di tunnel di sicurezza e logistica sviluppati per quasi 4 km.
Nel frattempo proseguono senza sosta i lavori lungo gli altri lotti del tunnel di base del Brennero. In particolare è stato avviato nell'autunno 2018 il cantiere tra Pfons e Brennero, il più impegnativo in quanto comprende la tratta maggiore delle gallerie principali per uno sviluppo di 37 km realizzate contemporaneamente da più frese, oltre alla fermata di emergenza sotterranea di St. Jodok. Questo lotto vale quasi un miliardo di euro. Decisamente più avanzati i lavori sul suolo italiano. Completate nel luglio 2015 le opere del "Lineamento Periadriatico", la tratta geologicamente più impegnativa, è stato possibile avviare i cantieri del lotto Mules 2-3 affidato per 993 milioni di euro ad Astaldi, Ghella, Oberosler, Cogeis e Pac. I lavori saranno conclusi nei primi mesi del 2022. Infine c'è la tratta "Sottoattraversamento Isarco" dove è stata già scavata oltre metà delle gallerie principali compresi i portali di Fortezza che rendono possibile già da ora individuare l'imbocco sud del futuro tunnel di base del Brennero.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 Videocast: via libera alla riforma europea dell’autotrasporto

    K44 Videocast: via libera alla riforma europea dell’autotrasporto

    Questo videocast di K44 Risponde illustra le novità introdotte nell’autotrasporto dal Primo Pacchetto Mobilità, approvato definitivamente dal Parlamento Europeo l’8 luglio 2020. Le principali domande cui il videocast risponde sono: come migliora il lavoro degli autisti? Con quale nuovi armi si combatte la concorrenza sleale? Come si contrasta il cabotaggio …

Logistica

  • DB Schenker usa nuovi smart glass nell’intralogistica

    DB Schenker usa nuovi smart glass nell’intralogistica

    DB Schenker ha completato i testo sull’uso di smart glasses nell’intralogistica nelle piattaforme logistiche tedesche di Brema e Rodgau e annuncia la loro implementazione su ampia scala per il prelievo delle merci dagli scaffali.

Mare

  • I container tornano nel porto di Taranto

    I container tornano nel porto di Taranto

    La mattina del 12 luglio ha attraccato al Molo Polisettoriale di Taranto la portacontainer Cma Cgm Nicola, riaprendo così l’attività del terminal che ora è gestito dalla società turca Yilport. Per ora sono previsti servizi feeder nel Mediterraneo.