Array ( [0] => 12 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Gavio controlla l’autostrada del Frejus

Il Gruppo Gavio acquisisce il controllo della società autostradale Sitaf, che gestisce l’autostrada A32 che collega Torino e Bardonecchia e il traforo del Frejus. Lo ha fatto tramite la controllata Astm (che gestisce l’autostrada Torino-Milano), che ha vinto in via provvisoria la gara per acquisire il 19,347% della Sitaf. Questa quota, sommata al 47,873% già in mano alla Astm porta Gavio alla maggioranza del capitale, con il 67,22%. La quota è stata ceduta da Finanziaria Città di Torino holding (Fct holding), che ha il 10,653%, e Città metropolitana di Torino, che ha l’8,694%. La Sitaf ha la concessione fino al 2050 e nel 2019 ha prodotto ricavi consolidati di 221 milioni di euro e un ebitda consolidato di 125 milioni.

"L'acquisizione della maggioranza in Sitaf rappresenta inoltre una svolta industriale che permette di dotare la società di un azionariato stabile, con un azionista di controllo, che potrà investire in innovazione, qualità del servizio per gli utenti, tecnologia e info-mobility, su un asset strategico per il Paese che collega Italia e Francia e che dal 2021 vedrà anche il raddoppio della capacità di trasporto con l'apertura della seconda canna del Frejus", spiega Umberto Tosoni, amministratore delegato di Astm.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

Logistica

  • Enel entra nella logistica partendo dai porti

    Enel entra nella logistica partendo dai porti

    Dopo l’annuncio di un nuovo piano mirato a riconvertire aree portuali e retroportuali a depositi doganali per container e merci, il Gruppo Enel ha rivelato alcuni dettagli su quali saranno in concreto le idee e le ambizioni di Enel Logistics in questa nuova area di business.

Mare