Array ( [0] => 26 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Cronaca

Passo decisivo per lo spazio ferroviario europeo


Un passo avanti, decisivo, per la completa interoperabilità ferroviaria a livello europeo. La Commissione di Bruxelles ha adottato nel maggio 2019 una serie di misure che completano i preparativi per quello che viene definito il "pilastro tecnico" del Quarto Pacchetto ferroviario. Questo è l'ultimo dei quattro documenti che stabiliscono regole comuni e aprono alla completa liberalizzazione dello spazio ferroviario comunitario era stato adottato dal Parlamento europeo e dal Consiglio nell'aprile 2016. E in vista della scadenza operativa del 16 giugno 2019, la Commissione ha fatto la sua parte.
Il mercato unico per i servizi ferroviari ha come obiettivo quello di rivitalizzare il settore e rendere le ferrovie europee più competitive in relazione agli altri mezzi di trasporto, soprattutto riducendo oneri legati essenzialmente a impedimenti tecnici e alla burocrazia (si pensi cos'era l'Europa ferroviaria in cui ogni paese aveva propri regolamenti, licenze per i macchinisti, strutture tecniche e di esercizio del tutto autarchiche). A livello comunitario, tutti i lavori preparatori del Quarto Pacchetto ferroviario sono stati messi a punto. Quale può essere l'impatto sulla riduzione dei costi lo si può comprendere dalle ultime misure. All'Agenzia ferroviaria europea (Era) viene data la responsabilità di rilasciare autorizzazioni e certificazioni valide in tutto lo spazio europeo, riducendo quindi doppioni e oneri aggiuntivi. Viene dato impulso al sistema di segnalamento europeo Ertms/Etcs per arrivare a una vera interoperabilità su tutta la rete senza più confini. Viene favorita la digitalizzazione delle ferrovie e l'avvio di servizi automatizzati.
Per una volta tanto l'Italia non giunge impreparata all'appuntamento con le direttive comunitarie. Già nel febbraio 2019 il Consiglio dei ministri ha approvato due schemi di decreto che riguardano il "pilastro tecnico" del Quarto Pacchetto e precisamente la direttiva sull'interoperabilità ferroviaria e quella sulla sicurezza. Nel primo caso si parla di armonizzazione tecnica per facilitare la nascita di un vero spazio ferroviario europeo, con il secondo decreto si definiscono i compiti dell'Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie nell'ambito di una cornice europea.
È utile ricordare come la liberalizzazione delle ferrovie europee è partita in prima battuta con le regole comuni per i trasporti merci. Il Primo Pacchetto (2001) ha stabilito il diritto di accesso all'infrastruttura dei paesi Ue per i servizi internazionali merci di tipo combinato. Il Secondo Pacchetto (2004) oltre a istituire l'Agenzia ferroviaria europea ha previsto il diritto di accesso sull'intera rete ferroviaria comunitaria per tutte le tipologie di trasporti merci internazionali. Mentre il Terzo Pacchetto (2007) ha riguardato i passeggeri, il cerchio si è chiuso con il Quarto che arriva alla completa liberalizzazione e ridefinisce ruolo e compiti dell'Agenzia ferroviaria europea.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

Mare

  • Ram comunica importo per marebonus 2019

    Ram comunica importo per marebonus 2019

    La società Ram del ministero dei Trasporti ha comunicato l’importo relativo alla seconda annualità (2019) del contributo sul trasporto combinato strada-mare (marebonus).

TECNICA

Nuovi carrelli diesel e Gpl di Still

TECNICA

Gli Usa si preparano alla guida autonoma dei camion

TECNICA

UE finanzia con 20 milioni il camion autonomo

TECNICA

Uber vende la divisione sulla guida autonoma

TECNICA

Ford Trucks amplia la gamma dei camion in Italia
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Trasporto e logistica in sciopero il 29 gennaio

LOGISTICA

Ceva entra nella logistica globale dei vaccini Covid-19

LOGISTICA

Primo incontro nazionale tra sindacati e Amazon

LOGISTICA

DB Schenker riprende le spedizioni per Gran Bretagna

LOGISTICA

Sciopero nazionale SiCobas di due giorni in FedEx TNT
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

DB Schenker riprende le spedizioni per Gran Bretagna

BREXIT

DHL Express sospende alcune spedizioni verso la Gran Bretagna

BREXIT

Palletways sospende spedizioni per Gran Bretagna

BREXIT

DPD riattiva le spedizioni con la Gran Bretagna

BREXIT

Aumentano le richieste di tampone Covid-19 da GB
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Nuove proroghe per patenti e CQC a luglio 2021

CAMIONSFERA

Perizia Tribunale scagiona camionista dell’incidente Zanardi

CAMIONSFERA

Tre camionisti morti in un incidente in Spagna

CAMIONSFERA

Multa di 79mila euro in Danimarca per tempi di guida

CAMIONSFERA

Chiesto processo per due camionisti per investimento su A2

CAMIONSFERA

K44 podcast: la grande trappola del Kent

CAMIONSFERA

Sindacati francesi mobilitano gli autisti di veicoli industriali

CAMIONSFERA

Scoperti 22 kg di cocaina su un camion bulgaro

CAMIONSFERA

Italia e Germania alleate contro i divieti dell’Austria

CAMIONSFERA

Il mercato dei veicoli industriali limita le perdite del 2020

CAMIONSFERA

Il britannico Consortium Purchasing ordina 2250 camion Scania

CAMIONSFERA

Sequestrato un panino al prosciutto a camionista proveniente da GB

CAMIONSFERA

Massicci investimenti delle ferrovie russe sull’asse Europa-Asia

CAMIONSFERA

Consegnati in Italia i primi nuovi Scania V8 da 770 CV

CAMIONSFERA

Prosegue l’obbligo del test Covid-19 da GB alla Francia
previous arrow
next arrow
Slider