Array ( [0] => 9 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Mobilitazione dell’autotrasporto container di Genova

Tira aria di tempesta sull’autotrasporto di container nel porto di Genova, dopo la richiesta avanzata da qualche committente ai vettori primi, e da questi ai loro subvettori, di una riduzione delle tariffe di trasporto del due percento. Il motivo è che è diminuito il prezzo del gasolio, ma gli autotrasportatori hanno alzato immediatamente le barricate e il 18 maggio 2020 la Fai di Genova ha diffuso un comunicato in cui afferma che “ la remunerazione oggi riconosciuta risulta essere al di sotto dei costi di riferimento sotto ai quali non viene garantita la sicurezza come peraltro stabilito dal ministero dei Trasporti”. La nota ammonisce che “se le richieste fossero reiterate, senza alcun indugio, le associazioni firmatarie di questo documento decideranno di assumere, previo un passaggio con la categoria, le iniziative meglio viste per la tutela degli interessi e della salute degli associati”.

Sentendo gli autotrasportatori genovesi, oggi il costo medio dell’autotrasporto container da e per Genova oscilla da 1 euro e 1,18 euro al chilometro e una riduzione del due percento comporterebbe una diminuzione in fattura tra 5 a 7 euro a viaggio, secondo le destinazioni. Sembra poco, ma moltiplicato per un anno, significa perdere 1400 euro a veicolo e moltiplicando questa cifra per il numero dei camion in flotta, si possono raggiungere cifre elevate. Considerando anche il forte calo della domanda di trasporto container, che solo nelle prime due settimane di maggio è stimato intorno al 40%, ciò causerebbe notevoli perdite per gli autotrasportatori.

A proposito dei costi, gli autotrasportatori evidenziano non solo che a fronte di un leggero calo del gasolio sono aumentati quelli fissi, sia perché aumentano le percorrenze a vuoto, sia a causa delle precauzioni contro il coronavirus, che comportano esborsi per i dispositivi di protezione degli autisti e la sanificazione dei veicoli. La nota della fai termina con una considerazione: “Ci asteniamo di commentare in merito alle irresponsabilità e al coraggio della committenza a richiedere una diminuzione della tariffa anziché riconoscere i grandi meriti che la collettività ha attribuito al settore riconoscendo i sacrifici sostenuti nel continuare a garantire i servizi nonostante gli incredibili disagi”.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Dimissioni dei vertici camion dell’Unrae

    Dimissioni dei vertici camion dell’Unrae

    Annunciate le dimissioni improvvide del presidente della Sezione Veicoli Industriali, Franco Fenoglio, e di quello della Sezione Rimorchi dell'associazione dei costruttori di veicoli esteri Unrae.

Logistica

  • Le proposte di Fedespedi per il Recovery Fund

    Le proposte di Fedespedi per il Recovery Fund

    L'associazione degli spedizionieri Fedespedi indica le priorità per il trasporto delle merci e la logistica da inserire nel programma di spesa che il Governo italiano dovrà presentare all'UE per ottenere le risorse del Recovery Fund. Tre temi: digitalizzazione, connettività e sostenibilità.

Mare