Array ( [0] => 9 )

Primo piano

  • Iru chiede riduzione dell’età per patenti superiori

    Iru chiede riduzione dell’età per patenti superiori

    Per affrontare la carenza di autisti, l’organizzazione mondiale dell’autotrasporto Iru chiede ai Governi di abbassare l’età per ottenere le patenti e le certificazioni per autista di veicoli industriali a diciotto anni.

Podcast K44

Normativa

Ministero Trasporti convoca l’autotrasporto per parlare del Rilancio

Qualcosa si muove al ministero dei Trasporti sul versante dell’autotrasporto: dopo ripetute sollecitazioni da parte delle associazioni di categoria (soprattutto Unatras), nel tardo pomeriggio del 21 giugno 2020 il Capo Gabinetto, Alberto Stancarelli, ha inviato una telegrafica comunicazione alle sigle rappresentate nell’Albo, più Conftrasporto e Unatras, per convocare una videoconferenza la mattina del 27 maggio. L’ordine del giorno è piuttosto generico: “Confronto in merito alle misure contenute del Decreto Legge Rilancio”. Misure che per quanto riguarda strettamente l’autotrasporto consistono solo nell’aumento di 20 milioni di euro per quest’anno dello stanziamento sullo sconto dei pedaggi autostradali.

Sulla valutazione di tali misure emergono discordanze all’interno delle associazioni dell’autotrasporto e della stessa Unatras. Al di là delle discussioni a porte chiuse, il 21 maggio la Fiap ha diffuso una nota in cui annuncia di avere espresso “insoddisfazione” durante la riunione in videoconferenza del giorno precedente sulla valutazione del Decreto Rilancio. La Fiap appare molto critica sul provvedimento, mentre finora l’Unatras non ha diffuso alcun commento. Secondo la Fiap molti dei provvedimenti di natura economica del Decreto “difficilmente proietteranno effetti diretti sul settore”, che sta subendo un aumento dei costi e i ritardi nel pagamento delle fatture.

Di fronte alle richieste presentate prima dell'emanazione del Decreto da parte delle associazioni, la risposta è stata l’aumento delle risorse per gli sconti sui pedaggi. Una misura che secondo la Fiap “potrà generare un recupero di qualche decina di euro per veicolo, una volta liquidate le competenze per consorzi e cooperative di servizi” e che risulta “svilente rispetto alle esigenze delle imprese”. Durante l’incontro del 20 maggio, la Fiap spiega di avere posto sul tavolo la dichiarazione dello stato di agitazione “a testimonianza dell’insoddisfazione generale e della evidente necessità che taluni argomenti vengano trattati e gestiti con coerenza”, aggiungendo che “forse potrebbe essere giunto il momento di verificare se sia il caso di spegnere i motori”.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

  • Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee

    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee

    Il progetto ADRIPASS ha lo scopo di migliorare l’accessibilità delle reti di trasporto europee con connessioni più efficienti dai porti dell’Adriatico all’entroterra e riducendo i tempi di attese alle frontiere dei Balcani. Ne parla una conferenza online il 2 dicembre.

Videocast K44

Autotrasporto

  • Tornano  costi minimi dell’autotrasporto

    Tornano costi minimi dell’autotrasporto

    Il 27 novembre 2020 il ministero dei Trasporti ha annunciato la pubblicazione del Decreto sui “costi indicativi di riferimento dell’attività di autotrasporto merci”.

Logistica

Mare

  • Porti liguri puntano sulla Svizzera dal 2024

    Porti liguri puntano sulla Svizzera dal 2024

    La connessione ferroviaria tra i porti di Genova e Savona e la Svizzera è stata la centro della terza edizione di “Un mare di Svizzera”. L’anno di svolta sarà il 2024 e PSA annuncia una filiale nella Confederazione Elvetica.