Array ( [0] => 9 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Europarlamento voterà la riforma dell’autotrasporto l’8 luglio

Dopo un lungo e tormentato percorso all’interno delle istituzioni europee, domani il Primo Pacchetto Mobilità vivrà il suo giorno decisivo. Gli eurodeputati in seduta plenaria voteranno il testo uscito dalla Commissione Trasporti (Tran), che a sua volta ricalca quello concordato tra lo stesso Europarlamento e il Consiglio dei ministri dei Trasporti. Se l’Aula approverà il Pacchetto senza modifiche, i due Regolamenti e la Direttiva che lo compongono saranno pubblicati nella Gazzetta Ufficiale Europea, entrando in vigore in momenti diversi, altrimenti il testo dovrà ricominciare l’iter di approvazione, con esisti incerti. Come è ormai noto, la divisione non attraversa i partiti bensì i Paesi: in linea di massima, quelli occidentali sono favorevoli, mentre gran parte di quelli orientali sono contrari. In teoria, i rapporti di forza sono a favore dei primi, ma già una volta il Primo Pacchetto Mobilità è stato fermato in Aula (nella precedente legislatura).

Lo scopo dell’intero Pacchetto è contrastare la concorrenza sleale e il dumping sociale degli autisti tramite modifiche alle regole sul cabotaggio stradale, sulle modalità di riposo degli autisti, sul distacco internazionale e sulle società di comodo. Sono norme ispirate dai Paesi occidentali, che subiscono i maggiori danni dal dumping sociale, e che i Paesi orientali ritengono lesive della concorrenza. Il primo Regolamento disciplina l'accesso al mercato del trasporto di merci su strada e alla professione di autotrasportatore, mentre il secondo stabilisce la durata massima del lavoro e tempi minimi di riposo per i conducenti e il tracciamento tramite il cronotachigrafo. La Direttiva rivede gli obblighi di applicazione e stabilisce norme sul distacco dei conducenti. Se approvati, i due Regolamenti entreranno in vigore venti giorni dopo la loro pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale e la Direttiva (che dovrà essere recepita dai singoli Stati) il giorno successivo alla pubblicazione.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

  • Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee

    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee

    Il progetto ADRIPASS ha lo scopo di migliorare l’accessibilità delle reti di trasporto europee con connessioni più efficienti dai porti dell’Adriatico all’entroterra e riducendo i tempi di attese alle frontiere dei Balcani. Ne parla una conferenza online il 2 dicembre.

Videocast K44

Autotrasporto

  • Tornano  costi minimi dell’autotrasporto

    Tornano costi minimi dell’autotrasporto

    Il 27 novembre 2020 il ministero dei Trasporti ha annunciato la pubblicazione del Decreto sui “costi indicativi di riferimento dell’attività di autotrasporto merci”.

Logistica

Mare

  • Porti liguri puntano sulla Svizzera dal 2024

    Porti liguri puntano sulla Svizzera dal 2024

    La connessione ferroviaria tra i porti di Genova e Savona e la Svizzera è stata la centro della terza edizione di “Un mare di Svizzera”. L’anno di svolta sarà il 2024 e PSA annuncia una filiale nella Confederazione Elvetica.