Array ( [0] => 9 )

Primo piano

  • Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    A meno di due mesi dall’uscita ufficiale del regno Unito dall’Unione Europea e alla vigilia dei negoziati per gli accordi in diversi settori, tra cui il trasporto, Londra minaccia che di ridurre la fase transitoria di sei mesi se nelle prossime settimane non avverranno “buoni progressi”.

Podcast K44

Normativa

Frode nei carburanti per oltre 400 milioni

La mattina dell’8 luglio 2020 oltre cento militi della Guardia di Finanza hanno eseguito venti perquisizioni in diverse località italiane, con l’arresto di quattro persone e il sequestro di beni per 95 milioni di euro a conclusione di un’indagine su un’organizzazione che ha attuato una frode fiscale sul carburante del valore di 433 milioni di euro. Agli arresti sono finiti due imprenditori padovani e due persone abitanti nell’hinterland di Napoli, mentre altre dodici persone sono coinvolte nella frode. Per frodare una cifra così elevata, l’organizzazione ha costituito un meccanismo complesso, che comprende tredici imprese filtro e cartiere in diversi Paesi europei, intestate a prestanome.

Tramite queste società, l’organizzazione acquistava il carburante in Slovenia e lo portava in un deposito di Cologna Veneta (Verona) che appartiene ai due padovani arrestati oggi. Tramite un giro di fatture, il carburante veniva venduto a centinaia di depositi commerciali e distributori stradali situati principalmente in Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Lazio, Abruzzo e Campania. Gli inquirenti stimano che in tre anni, questa organizzazione abbia venduto con tale sistema 410 milioni di litri senza pagare l’Iva. Il sequestro preventivo dei beni, del valore di 95.448.973,96 euro, comprende anche decine di autocisterne cariche di carburante e il deposito veronese, oltre a immobili e disponibilità su rapporti bancari.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

Logistica

  • Enel entra nella logistica partendo dai porti

    Enel entra nella logistica partendo dai porti

    Dopo l’annuncio di un nuovo piano mirato a riconvertire aree portuali e retroportuali a depositi doganali per container e merci, il Gruppo Enel ha rivelato alcuni dettagli su quali saranno in concreto le idee e le ambizioni di Enel Logistics in questa nuova area di business.

Mare