Array ( [0] => 9 )

Primo piano

  • Come Covid potrà convertire spazi del commercio in logistica

    Come Covid potrà convertire spazi del commercio in logistica

    Una ricerca svolta negli Stati Uniti da Prologis mostra che la tendenza a trasformare spazi dedicati al retail prima della pandemia Covid-19 alla logistica, che chiede immobili di elevata qualità a causa della crescita del commercio elettronico, sarà ancora limitata nei prossimi anni.

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    Autotrasporto nella stretta tra costi e ritardati pagamenti

    Tanti elogi e poche risorse: questa è la situazione dell’autotrasporto italiano durante la pandemia di Covid-19, che non solo ha ridotto il volume di trasporto mediamente del 60%, con punte del 90% in alcuni settori, ma che anche per chi lavora sta ponendo enormi problemi. E paradossalmente a porre tali problemi sono anche i committenti, che dovrebbero essere i primi a tutelare un servizio essenziale per la loro attività. In queste settimane sono emersi due esempi concrei che mostrano altrettanti fenomeni: l’aumento dei costi che non sempre viene riconosciuto dalla committenza e il ritardo nei pagamenti dei servizi già svolti.

    Il primo esempio viene dalla Sicilia. Prima dell’emergenza, gli autotrasportatori siciliani trasportavano verso il nord Italia prodotti agro-alimentari e al ritorno bilanciavano i viaggi con beni di consumo o carichi industriali. La chiusura di numerose fabbriche a causa della Covid-19 ha tolto loro una parte consistente di carichi di ritorno, lasciando solo quelli di andata, riducendo così gli introiti di ogni viaggio. Per tale motivo, le imprese di autotrasporto stanno chiedendo un aumento delle tariffe ai committenti siciliani per le spedizioni verso il nord.

    Una richiesta che, seppur spesso relativamente modesta, non viene accolta bene dai committenti. L’esempio viene dal Consorzio di Pachino, che raccoglie 150 produttori e 33 centri di confezionamento del pomodoro Igp che si coltiva nella parte sud-orientale dell’isola. In una nota pubblicata sul suo sito, il Consorzio afferma che il Comitato Agenzie di Logistica e Trasporto della Sicilia Sud Orientale ha comunicato un aumento del 20% sulle tariffe di trasporto dal 7 aprile al 30 giugno 2020. Non è un valore elevato, tenendo conto che molti camion tornano vuoti.

    Ai trasportatori, il Consorzio risponde che la richiesta “pur condivisibile in astratto” non può essere addossata al comparto agricolo per due motivi: anche i produttori e confezionatori risentono dell’aumento dei costi causato dalla pandemia e perché “trattasi di questioni di rilevanza nazionale che attengono all'approvvigionamento della Grande Distribuzione e della popolazione intera, problema la cui trattazione non può che fare riferimento ad una cabina di regia nazionale che coinvolga le Istituzioni e che non può certo essere circoscritta al rapporto tra le singole ditte di trasporti e le singole aziende agricole”.

    Perciò “il Cda del Consorzio ha deliberato di esprimere la propria contrarietà alla richiesta di aumento del costo di trasporto indirizzato alle aziende socie”. Insomma, gli autotrasportatori si rivolgano al Governo e tanti auguri. Al massimo, il Consorzio potrebbe “rappresentare presso gli organismi competenti le difficoltà che sta attraversando il sistema della logistica e dei trasporti, affinché possa ottenere il ristoro dovuto attraverso interventi normativi specifici a sostegno del settore”.

    Il secondo esempio riguarda il ritardo dei pagamenti. E non stiamo parlando di quello cronico, ma di rinvii annunciati unilateralmente dalla committenza che arrivano perfino al 2021 su servizi di trasporto svolti all’inizio del 2020. In pratica una proroga di un anno. L’esempio riguarda la catena BricoIo, dedicata al bricolage, che il 19 marzo 2020 ha scritto ai fornitori che “potremo far fronte ai nostri attuali impegni – e in particolare al pagamento dei trasporti dovuti sino a oggi e di quelli che andranno a scadere sino al 30/05/2020 – in quattro rate mensili a partire dal 31 gennaio 2021 (e quindi al 31/01/2021, 28/02/2021, 31/03/2021 30/04/2021)”.

    La società giustifica questo rinvio, di ben più di un anno, con le ripercussioni sul fatturato causate dai provvedimenti contro la pandemia di coronavirus. Nella comunicazione scrive: “In tale grave situazione – in un’ottica di reciproca collaborazione e comprensione in un momento in cui il nostro Paese è chiamato a far fronte a una crisi su più fronti – invitiamo tutti i fornitori a supportarci sino alla fine dell’emergenza”. Insomma, l’autotrasporto non deve solo macinare chilometri per assicurare il rifornimento di cittadini e imprese, ma deve anche sostenere economicamente alcuni committenti, facendo le funzioni d'istituti di credito, perdipiù a tasso zero. Almeno fino a quando non decideranno di spegnere i motori e restare anche loro a casa.

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

      bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

     

     

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee
    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio
    Menu completo d’intralogistica per gli associati Astre
    LCT collabora con la Protezione Civile contro la Covid-19
    previous arrow
    next arrow
    Slider

     

Videocast K44

Autotrasporto

Mare

TECNICA

K44 videocast: quale sarà il motore del 2040

TECNICA

GM sviluppa un sistema elettrico completo per logistica urbana

TECNICA

Schiphol sperimenta trattore per bagagli autonomo

TECNICA

La Cina progredisce nel camion autonomo

TECNICA

Semirimorchi aerodinamici di Schmitz Cargobull
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Allarme per l’approvvigionamento dei pallet in legno

LOGISTICA

Supermulta da 773 milioni e denunce a quattro società per i rider

LOGISTICA

Sindacati interrompono negoziato su Ccnl Logistica e Trasporto

LOGISTICA

K44 videocast: quale sarà il motore del 2040

LOGISTICA

Samag acquisisce la filiale italiana di Blg Logistics Solutions
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

La Brexit frena anche Amazon in Gran Bretagna

BREXIT

DB Schenker riprende le spedizioni per Gran Bretagna

BREXIT

DHL Express sospende alcune spedizioni verso la Gran Bretagna

BREXIT

Palletways sospende spedizioni per Gran Bretagna

BREXIT

DPD riattiva le spedizioni con la Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Denunciato camionista in Sicilia per manomissione cronotachigrafo

CAMIONSFERA

Cambio al volante di Scania dal primo maggio

CAMIONSFERA

Pontremolese in concessione per completarla

CAMIONSFERA

Arresti a Napoli contro rapinatori dell’autotrasporto

CAMIONSFERA

Guida 21 ore in un giorno e senza AdBlue, multa per autista e azienda

CAMIONSFERA

Arriva un nuovo operatore per il telepedaggio in Italia

CAMIONSFERA

Indagine per omicidio stradale sul tamponamento dell’A32

CAMIONSFERA

Autotrasporto protesta contro due autovelox sulla Fi-Pi-Li

CAMIONSFERA

Sciopero degli autisti della logistica Amazon di Padova

CAMIONSFERA

Tampone in Germania, lunghe code al Brennero

CAMIONSFERA

Il 2021 inizia in positivo per i veicoli industriali

CAMIONSFERA

Ferrovia trans-afghana tra l’Asia centrale e il Mar Arabico

CAMIONSFERA

Pagamento telematico del pedaggio in Marocco con DKV

CAMIONSFERA

Ispettorato Lavoro concede lavoro a chiamata per i camionisti

CAMIONSFERA

Controlli sull’autotrasporto Adr a Rimini trova 42 infrazioni
previous arrow
next arrow
Slider