Primo piano

  • La svolta di Ceva in Italia

    La svolta di Ceva in Italia

    Dopo l'acquisizione da parte della compagnia francese Cma Cgm, la filiale italiana della multinazionale della logistica annuncia un piano di sviluppo triennale e un rinnovo dell'apparato dirigente.  

Podcast K44

Normativa

Indagine internazionale su frode al cronotachigrafo


In Europa circolerebbero migliaia di veicoli industriali con i cronotachigrafi manipolati con un software sviluppato in Polonia e venduto in tutto il continente. Questa è l'ipotesi su cui stanno investigando magistrati belgi e olandesi, dopo la scoperta di alcune manipolazioni identiche avvenuta a giugno in Belgio. La Polizia ha arrestato in fragrante un cittadino polacco che stava manomettendo alcuni cronotachigrafi in un'officina del Belgio, poi a luglio altri due installatori olandesi nei Paesi Bassi. Proseguendo l'indagine, gli inquirenti hanno scoperto che questo software era stato installato su altri veicoli d'imprese di autotrasporto del Belgio e dei Paesi Bassi e ritengono che altri camion con questo sistema stiano circolando sulla strade europee, grazie alla complicità di numerosi installatori di apparecchi.
L'indagine non è facile, perché secondo gli inquirenti questa manipolazione è quasi impossibile da rilevare nei controlli su strada usando gli attuali strumenti della Polizia. Infatti, gli inquirenti spiegano che stiamo assistendo a un'evoluzione nei sistemi di manomissione dei cronotachigrafi, che stanno trasmigrando dall'hardware (dalla semplice calamita alle più sofisticare schede elettroniche) a software installati nell'apparecchio. Per ora gli inquirenti non forniscono altre informazioni per non compromettere le indagini, che proseguono a livello internazionale.
Un allarme su questa evoluzione della manipolazione dei cronotachigrafi è stato già lanciato all'inizio del 2019 dall'ente olandese Inspectie Leefomgeving en Transport. In una nota del 2 febbraio, l'ente esprime addirittura il dubbio che il cronotachigrafo sia ancora uno strumento di rilevazione affidabile, aggiungendo che nel 2018 l'Ispettorato ha scoperto che un camion su sei tra quelli controllati mostrano una qualche forma di manipolazione. In questa percentuale ci sono sia i metodi più semplici da scoprire (calamita o uso di una carta tachigrafica di un'altra persona) sia quelli più sofisticati. Secondo l'ente, sono attivamente coinvolti nelle frodi non solo gli autisti, ma anche le imprese di autotrasporto e gli installatori, mentre le sanzioni sono sproporzionate rispetto ai guadagni che si ottengono violando i tempi di guida e di riposo. Perciò, il ministero dei Trasporti olandese sta valutando pene più severe, come il ritiro dell'autorizzazione al trasporto, della carta del conducente o quella dell'assistenza.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Autotrasporto

  • Omeps amplia lo stabilimento per produrre autocisterne

    Omeps amplia lo stabilimento per produrre autocisterne

    Omeps, costruttore campano specializzato nella produzione di autocisterne per prodotti pulverulenti, annuncia l’ampliamento dello stabilimento di Battipaglia, che riduce l’impatto ambientale e aumenta l’automazione.

Logistica

Mare

  • Il porto di Genova introdurrà nuove regole d’accesso contro coronavirus

    Il porto di Genova introdurrà nuove regole d’accesso contro coronavirus

    L’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale ha annunciato l’introduzione di restrizioni per le attività interne e per gli accessi nel porto di Genova come forma di prevenzione alla diffusione del Covid-19. Riguarderanno i trasporti, l’attività d’impresa, i lavoratori e lo svolgimento di servizi pubblici.