TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Confindustria si attiva sull’autotrasporto eccezionale

E-mail Stampa PDF

Confindustria ha avviato un Tavolo di lavoro sui trasporti eccezionali, cui partecipano le associazioni interessate, Anas e Aiscat per affrontare i disagi emersi nell'ultimo anno.


Eccezionale Actros cilindro anteriore stradaLa confederazione degli industriali sta lavorando per affrontare i divieti e i ritardi nell'erogare le autorizzazioni ai trasporti eccezionali attuati dall'Amministrazione pubblica negli ultimi mesi, soprattutto per i complessi più pesanti, ossia quelli che superano la massa complessiva di 100 tonnellate. Confindustria ha quindi attivato un Tavolo per fissare alcune proposte da sottoporre al Governo per definire una rete nazionale di direttrici di traffico abilitata al trasporto eccezionale, tra cui quella Padana (Piemonte-Lombardia-Veneto/Porto Marghera), dell'Emilia-Romagna (fino al Porto di Ravenna), la Tirreno-Adriatica, la Tirrenica (Piemonte-Liguria-Toscana) e quella Nord-Sud.
I partecipanti hanno anche chiesto la realizzazione di un catasto stradale digitalizzato, in grado di mettere in dialogo tutte gli enti proprietari/gestori interessati dai transiti eccezionali. L'obiettivo, ha dichiarato Bruno Fierro, presidente di UCC (l'associazione italiana delle imprese della caldareria), è "abbattere tutti i vincoli e le difficoltà di dialogo tra il sistema di catasto on-line di un ente con quello di un altro, per accelerare le procedure e minimizzare l'onere economico. Da qui, la proposta di costituire uno Sportello unico nazionale per la gestione delle pratiche di autorizzazione al trasporto eccezionale". Fierro chiede anche azioni a breve termine, come indicazioni, anche transitorie, di percorsi stradali abilitati.
Fierro ha precisato che "in tal senso, si ritiene fondamentale procedere a verifiche sistematiche sulla stabilità dei manufatti, attualmente gravanti sull'utenza. Questo maggior costo, oltre ad allungare i tempi, crea un onere non previsto, come nel caso macchine operatrici sottoposte ad autorizzazione solo perché classificate come veicoli eccezionali, ma senza superare i limiti per definirne il transito come trasporto eccezionale".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1535

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed