TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Le nuove regole per controllo del fissaggio del carico

E-mail Stampa PDF

Il 20 maggio 2018 entra in vigore il Decreto ministeriale numero 215 del 19 maggio 2017, che stabilisce i requisiti minimi per i controlli tecnici su strada, compresi quelli su come è fissato il carico dei veicoli industriali.

Autista lancia cinghia camion legnameDal 20 maggio 2018 gli autotrasportatori sono soggetti a maggiori controlli sui sistemi di fissaggio del carico, stabiliti dal Decreto del ministero dei Trasporti 215/2017 che recepisce la Direttiva 2014/47/UE. Le modalità di questi controlli sono illustrate ne primo comma dell'articolo 10 e hanno lo scopo di evitare che il carico del veicolo industriale subisca cambiamenti di posizione, anche minimi, in tutte le fasi di operatività del camion, sia in marcia, sia quando è fermo. Il terzo allegato al decreto stabilisce i termini della resistenza alle sollecitazioni delle forze che derivano da accelerazioni o decelerazioni per impedire l'inclinazione o il suo ribaltamento, secondo il seguente schema:

  • Direzione di marcia: richiesta una resistenza di almeno 0,8 volte il peso del carico
  • Direzione laterale: richiesta una resistenza di almeno 0,5 volte il peso del carico
  • Direzione contraria: richiesta una resistenza di almeno 0,5 volte il peso del carico

I metodi ammessi per fissare il carico sono quattro, che si possono usare anche in combinazione tra loro: immobilizzazione, bloccaggio locale o generale, ancoraggio diretto, ancoraggio per attrito. Per calcolare le condizioni minime di sicurezza per fissare in modo adeguato un carico – per esempio il numero minimo di ancoraggi (ossia di cinghie) o le caratteristiche della parete anteriore del veicolo - il Decreto fa riferimento ad alcune norme già in vigore:

  • EN 12195-1: Calcolo delle forze di ancoraggio
  • ISO 1161 e ISO 1496: Contenitore ISO
  • EN 12640: Punti di ancoraggio
  • EN 283: Casse mobili
  • EN 12642: Resistenza della struttura del veicolo
  • EN 12641: Teloni impermeabili
  • EN 12195-2: Cinghie di tessuto di fibra chimica
  • EUMOS 40511: Pali - Montanti
  • EN 12195-3: Catene di ancoraggio
  • EUMOS 40509: Imballaggio per il trasporto
  • EN 12195-4: Funi di ancoraggio di acciaio

Il primo allegato al Decreto definisce quattro livelli di carenze nel fissaggio del carico:

  • Carenza lieve . Una carenza lieve si verifica quando il carico è stato fissato correttamente ma potrebbero essere opportuni consigli di prudenza
  • Carenza grave - Una carenza grave si verifica quando il carico non è stato fissato adeguatamente ed esiste un rischio di movimenti significativi o di ribaltamento del carico o di parti di esso
  • Carenza pericolosa - Una carenza pericolosa si verifica quando la sicurezza stradale è minacciata direttamente da un rischio di caduta del carico o di parti di esso o da un pericolo derivante direttamente dal carico o da un pericolo immediato per le persone
  • Carenze che rientrano in gruppi diversi - Viene preso a riferimento il gruppo che corrisponde ala carenza più grave

Nel caso di carenze gravi o pericolose, l'Autorità che le rileva può imporre la loro rettifica immediata prima di rimettere in circolazione il veicolo.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 6877

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed