TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Attivato lo scalo ferroviario merci di Marzaglia

E-mail Stampa PDF

Rete Ferroviaria Italiana ha investito 90 milioni su un impianto nella provincia di Modena, che entro fine anno sarà equipaggiato con un fascio di sette binari. Primi treni di Deutsche Bahn.

In provincia di Modena, precisamente a Marzaglia, è attivo un nuovo scalo ferroviario al servizio del distretto della ceramica. Lo ha annunciato il sottosegretario alle Infrastrutture e ai Trasporti, Michele Dell'Orco, spiegando: "Sono molto soddisfatto di annunciare che l'attivazione dello scalo merci di Marzaglia è finalmente realtà, dopo un'attesa durata più di dieci anni. Rete Ferroviaria Italiana ci ha infatti confermato che l'attivazione della prima fase, ossia di tre binari destinati a traffici di tipo tradizionale, è avvenuta a fine dicembre 2018 e l'avvio del servizio da parte dell'impresa ferroviaria DB Cargo è previsto a partire da inizio gennaio". Il sottosegretario ha precisato che "il gestore dell'infrastruttura ci ha anche confermato che i lavori per l'attivazione della seconda fase, che prevede altri quattro binari destinati a traffici di tipo combinato, procedono regolarmente e hanno come orizzonte temporale dicembre 2019".
Lo scalo di Marzaglia ha iniziato la propria attività il 9 gennaio 2019 con l'arrivo del primo treno carico di argilla proveniente da Limburg (Germania). Da dicembre 2019 saranno quindi disponibili sette binari rispetto ai cinque previsti dal progetto iniziale, in considerazione delle numerose manifestazioni d'interesse espresse da più operatori logistici. Propedeutica all'attivazione dello scalo è stata la realizzazione da parte di Rfi della stazione di Marzaglia, riservata esclusivamente al traffico dei treni merci e collocata sulla linea convenzionale Bologna-Piacenza, che consente ai convogli di raggiungere agevolmente lo scalo grazie a sei binari di arrivo e partenza e tre aste di manovra. L'investimento complessivo di Rete Ferroviaria Italiana è stato di circa 90 milioni di euro.

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1084

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed