Array ( [0] => 30 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Hyundai vuole mettere su strada mille camion a idrogeno


Anche Hyundai ha presentato al Salone di Hannover il suo camion elettrico, ma a differenza degli altri marchi il motore è alimentato da celle combustibili funzionanti a idrogeno. Per ora, in realtà, non esiste né il veicolo né, soprattutto, una rete di distribuzione dell'idrogeno, ma il costruttore sud-coreano ha annunciato che esiste già il prototipo del camion e che per la distribuzione ha firmato un accordo con il produttore svizzero d'idrogeno H2 Energy per realizzare una rete in Svizzera, che potrebbe quindi essere il primo Paese europeo a usare camion a idrogeno sin dalla fine del 2019.
Il direttore della divisione veicoli industriali di Hyundai Motor, Mark Freymueller, ha dichiarato nella conferenza stampa del Salone che i veicoli industriali a celle combustibili hanno un'autonomia di 400 chilometri con un pieno, una caratteristica che li rende idonei alla distribuzione regionale ma non al lungo raggio. Egli ha anche annunciato che è già in programma un primo lotto di mille unità in Svizzera, per poi estendere la vendita in altri Paesi europei, negli Stati Uniti e in Cina. Ma tutto dipende ovviamente dalla costruzione di una rete di distribuzione dedicata che ha costi elevati (in Corea del Sud una stazione costa quasi 2,3 milioni di euro.
Il primo prototipo dello Hyundai a idrogeno avrà due sistemi a celle combustibile da 95 kW ciascuno collegati in parallelo, alimentati da un serbatoio d'idrogeno con capacità di 32.86 kgH2 a 350 bar e con un tempo di rifornimento completo di sette minuti. Questo apparato fornisce elettricità a un motore elettrico che eroga una potenza massima di 350 kW e una coppia massima di 3400 Nm. L'autotelaio ha una massa complessiva di 18 tonnellate, ed è lungo 9745 mm, largo 2550 mm e alto 3730, con passo di 5130 mm. Il rendering del camion mostrato da Hyundai mostra una cabina non rivoluzionaria, con forme curve che dovrebbero fornire una buona penetrazione aerodinamica ma ancora con gli specchi retrovisori (ricordiamo che in Europa è già permesso sostituirli con telecamere, guadagnando ancora di più in aerodinamica).
H2 Energy è una società svizzera specializzata nella produzione e distribuzione d'idrogeno, presente in Svizzera, Germania, Norvegia e Austria. Il programma per la rete svizzera prevede d'iniziare la fornitura ai membri dell'associazione Swiss H2, che comprende diversi titolari di stazioni di servizio e rivenditori. Allo IAA 2018 però le aziende coinvolte non hanno precisato i costi né del veicolo, né per la costruzione dei distributori.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    Cinque sigle dell’autotrasporto chiedono un incontro al Governo per affrontare i problemi degli autotrasportatori dell’acciaio che lavorano con l’ArcelorMittal, soprattutto il ritardo dei pagamenti e la revisione delle condizioni contrattuali.

Logistica

  • Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Dopo i 107 casi di positività al coronavirus, i controlli dell’Ausl di Bologna hanno rivelato almeno diciotto persone positive che operano nella vicina piattaforma Tnt. I sindacati chiedono provvedimenti per fermare il contagio.

Mare

  • Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Il sindacato di base SiCobas ha bloccato per alcune ore l’accesso del terminal container del porto di Napoli Conateco nell’ambito di una vertenza contro il licenziamento di alcuni lavoratori. Ripercussioni anche nella viabilità cittadina.