Array ( [0] => 10 )

Primo piano

  • Primi treni merci per la nuova impresa Evm Rail

    Primi treni merci per la nuova impresa Evm Rail

    Dopo la fase di certificazione e formazione del personale, è diventata operativa la nuova compagnia italiana di trasporto ferroviario delle merci Evm Rail, che opera anche in ambito internazionale.

Podcast K44

Normativa

Ripartono nel caos i traghetti passeggeri per la Sardegna

Il 3 giugno 2020 gli italiani possono viaggiare liberamente tra le Regioni. Ma per la Sardegna la situazione è poco chiara a causa di un Decreto eemanato la sera prima dei ministeri della Salute e dei Trasporti, già soprannominato Decreto Sardegna, che permette l’imbarco sui traghetti per i porti sardi solamente “ai servizi svolti in continuità territoriale”, mentre “tutti i collegamenti da e per la Sardegna verso i porti nazionali e viceversa saranno riattivati dal 13 giugno”. L’interpretazione corrente di queste parole porta a concedere i viaggi per i passeggeri solo alle navi Tirrenia, lasciando all’ancora quelle di Gnv, Moby e Sardinia Ferries. Questo Decreto appare come una concessione al presidente della Regione Sardegna: non potendo impedire legalmente agli italiani di andare in Sardegna, come voleva il presidente, si limita la capacità delle navi.

Questo provvedimento ha scatenato una dura reazione sia delle singole compagnie escluse, sia delle loro associazioni di categoria. Grandi Navi Veloci e Sardinia Ferries hanno annunciato che i traghetti salperanno comunque, sostenendo che un eventuale monopolio di Tirrenia sarebbe una distorsione della concorrenza. Questa sera partiranno dunque due navi, la Gnv da Genova per Porto Torres e la Sardinia da Livorno per Golfo Aranci. Resta da vedere come saranno accolte nei porti sardi.

Dura presa di posizione anche di Federlogistica (Conftrasporto), il cui presidente Luigi Merlo denuncia i possibili danni a carico dei cittadini e delle compagnie marittime. “Com’è possibile che dopo giorni e giorni di comunicazioni che annunciavano la libera circolazione tra le regioni a partire da oggi, solo ieri sera sia stato reso noto un Decreto che impedirebbe il trasporto marittimo da e verso la Sardegna ad esclusione dei servizi di continuità territoriale? Si possono considerare servizi di continuità tutti oppure solo quelli convenzionati?”, si chiede Merlo.

Il presidente di Federlogistica richiama la distorsione del mercato, ponendo altre domande: “Chi rimborserà i passeggeri, considerato che le compagnie non hanno alcuna responsabilità? Ci si rende conto che provvedimenti improvvisati e immotivati come questo possono provocare nei porti seri problemi di ordine pubblico? Come si devono comportare le autorità di sistema portuale e in terminal traghetti?”. Merlo conclude affermando che “L’unica soluzione possibile ora è consentire a tutte le compagnie di svolgere il servizio”.

Anche l’Alis invoca la distorsione della concorrenza: “Non riusciamo a comprendere come proprio le istituzioni si siano fatte promotrici di una simile situazione in palese violazione della libera concorrenza a danno sia dei passeggeri, in primis dei cittadini sardi, che si trovano così costretti a dover viaggiare solo con un operatore senza poter scegliere una compagnia alternativa sia delle compagnie di navigazione, che nel frattempo hanno rispettato tutti i protocolli sanitari e che rischiano di dover subire problemi di ordine pubblico nei porti, per non parlare delle problematiche che potrebbero crearsi in considerazione di tutte quelle famiglie che ora potrebbero non riuscire a raggiungere facilmente la Sardegna”, dichiara il presidente Marcello Di Caterina.

L’Alis aggiunge un elemento: “Ciò che ci lascia ancora più stupiti – afferma Di Caterina - è che tale decisione, che dovrebbe invece accompagnare un momento di ripresa dei collegamenti marittimi e di libera circolazione nel territorio nazionale, è stata assunta subito dopo un’altra gravissima scelta compiuta dal Governo, ovvero la disposizione contenuta nel Decreto Rilancio con la quale viene rinnovata senza nuova gara e per ulteriori dodici mesi la convenzione statale di circa 72 milioni di euro, sempre nei confronti di Cin-Tirrenia, nonostante la stessa fosse in scadenza il prossimo 18 luglio 2020”.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Inizia dalla Sicilia la distribuzione diretta di Amazon

    Inizia dalla Sicilia la distribuzione diretta di Amazon

    Amazon ha iniziato a consegnare i furgoni a sei imprese di autotrasporto siciliane, che svolgeranno la distribuzione nell’ultimo miglio direttamente per il colosso del commercio elettronico. Un programma pilota che potrebbe espandersi in Italia.

Logistica

Mare

  • Violento incendio nell’area portuale di Ancona

    Violento incendio nell’area portuale di Ancona

    Nella notte del 15 settembre è scoppiato un violento incendio all’interno dell’area portuale di Ancona ex Tubimar, in una zona dove ci sono soprattutto capannoni d’industrie. Distrutti edifici e camion parcheggiati vicino alle banchine, ma non ci sarebbero vittime.