Array ( [0] => 10 )

Primo piano

  • Come avviene lo sfruttamento degli autisti extracomunitari

    Come avviene lo sfruttamento degli autisti extracomunitari

    Una ricerca mostra che la pandemia di Covid-19 ha accentuato i fenomeni di sfruttamento nell’Unione Europea di camionisti immigrati dai Paesi extra-comunitari da parte di catene di sub-appalto nell’autotrasporto, sorte soprattutto nell’Est. Ecco come funziona il sistema.

Podcast K44

Normativa

Prima portacontainer approda al terminal Apm di Vado Ligure

Fonte: Apm Terminals

Dopo l'inaugurazione ufficiale, avvenuta il 12 dicembre 2019, l’11 febbraio si è svolta quella operativa, con l’approdo della prima portacontainer alla banchina del terminal Vado Gateway di Apm Terminals. Il battesimo è avvenuto “in famiglia”, perché la nave era la Maersk Kotka, appartenente allo stesso gruppo danese che controlla la società terminalistica. È una portacontainer da 6400 teu che opera sul servizio ME2 che collega il Mediterraneo con il Medio Oriente e l’India. La nave era partita dal porto marocchino di Tangeri ed è approdata a Savona dopo avere toccato Alcegiras, Valencia e Fos Sur Mer/Marsiglia, per proseguire verso Port Said in Egitto e vari altri terminal in Arabia Saudita, Oman ed Emirati Arabi, fino ad Abu Dhabi.

La Maersk Kotka e le altre sette portacontainer che operano sul servizio ME2 toccheranno Vado Ligure una volta la settimana. Parte dei container scaricati dalla nave proseguirà verso l’entroterra su autoarticolati che accederanno al terminal usando il sistema di appuntamento Truck Appointment System, mentre un’altra parte viaggerà in treno verso i terminal interni di Pioltello (Milano), Rubiera (Modena) e Padova. In questa fase iniziale, il terminal di Vado Ligure sarà scalato anche da un altro servizio Maersk, il MMX, che collega il Mediterraneo con il Canada usando cinque portacontainer da 2500 teu. Anche queste navi scaleranno Vado Ligure una volta la settimana.

“Con l’arrivo in banchina della prima nave, il nuovo terminal container deep sea di Vado Ligure è ufficialmente operativo”, spiega Paolo Cornetto, amministratore delegato di Apm Terminals Vado Ligure. “Dopo anni di difficoltà per il completamento della infrastruttura, poter finalmente servire i clienti rappresenta per noi un sogno. Faremo tutto il necessario per far sì che Vado Gateway diventi presto sinonimo di efficienza e attenzione al cliente, il sistema portuale preferito dai clienti: questa è oggi e continuerà ad essere nei prossimi anni la nostra mission”. Leah Korgaard Offutt, Central Mediterranean Area Managing Director Maersk ha aggiunto che “i nostri clienti beneficeranno dell’efficienza logistica e tecnologica di Vado, che è già divenuto il nuovo gateway per il nord Italia”. Entro la fine del 2020, il terminal impiegherà circa trecento persone.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: quando il camion frena da solo

    K44 podcast: quando il camion frena da solo

    Questo episodio del podcast K44 La voce del trasporto parla dell'ultima generazione dei sistemi di rallentamento e franta automatica dei veicoli industriali, che sono uno dei principali sistemi di sicurezza sulla strada.

Logistica

  • Arrestato “emiro vesuviano” per frode fiscale sui carburanti

    Arrestato “emiro vesuviano” per frode fiscale sui carburanti

    La Guardia di Finanza di Napoli ha chiuso l’inchiesta soprannominata Emiro Vesuviano con gli arresti domiciliari di un imprenditore di San Giorgio a Cremano operante nel commercio di carburanti, che avrebbe attuato una frode fiscale da dieci milioni di euro.

Mare

  • DB Schenker scende dalle portacontainer di Maersk

    DB Schenker scende dalle portacontainer di Maersk

    Lo spedizioniere tedesco DB Schenker starebbe lasciando le portacontainer di Maersk perché considera la compagnia marittima danese più un concorrente che un fornitore di servizi, dopo che ha integrato Damco nella sua struttura. Potrebbe essere l'inizio di una tendenza.