Array ( [0] => 10 )

Primo piano

  • Girteka prevede un forte aumento costi dell’autotrasporto

    Girteka prevede un forte aumento costi dell’autotrasporto

    Il colosso dell’autotrasporto Girteka prevede un forte aumento dei costi del trasporto stradale in Europa, che potrebbe toccare il 35%. Intanto aggiungerà 1500 camion e cresce nel combinato strada-rotaia, dove nel 2021 ha raddoppiato il traffico.

Podcast K44

Cronaca

  • Incendio nel magazzino Beltom di Bari

    Incendio nel magazzino Beltom di Bari

    Nella notte tra il 2 e il 3 maggio è scoppiato un incendio nel centro di stoccaggio della Beltom di Bari, azienda che opera nel commercio elettronico.

Normativa

Autotrasporto

  • Transpotec | Federtrasporti dà i numeri dell’autotrasporto

    Transpotec | Federtrasporti dà i numeri dell’autotrasporto

    Federtrasporti, editore della rivista Uomini e Trasporti, ha presentato al Transpotec la terza edizione del volume “100 numeri per capire l’autotrasporto”, che raccoglie le statistiche del settore. Emerge che negli ultimi cinque anni sono sparite novemila imprese, confermando il “tramonto dei padroncini”.

    Nuovi elementi d’insicurezza nel trasporto marittimo

    Allianz Global Corporate & Specialty ha diffuso il rapporto annuale Safety & Shipping Review 2022, che analizza la sicurezza del trasporto marittimo delle merci. Un dato generale mostra un andamento positivo: per 2021 registra la perdita totale di 54 navi oltre le cento tonnellate lorde, a fronte delle 127 del 2012 e le oltre duecento l’anno prima degli anni Novanta. Negli ultimi trent’anni, inoltre, alla diminuzione delle perdite è corrisposto un aumento della flotta globale da circa 80mila unità a circa 130mila. “Tale progresso riflette la maggiore attenzione alle misure di protezione attraverso programmi di formazione e sicurezza, il miglioramento del design delle navi, la tecnologia e la regolamentazione”, commentano gli analisti.

    Quasi la metà (27 unità) delle navi perse nel 2021 era formata da mercantili, con il naufragio (ossia affondamento o sommersione) come causa principale (32 unità). L’area dove avviene il maggior numero dei casi è la regione marittima della Cina meridionale, Indocina, Indonesia e Filippine, dove si sono perse 21 navi. Il rapporto indica che le cause di questa elevata incidenza sono “l’alta concentrazione di commercio in quelle aree, porti congestionati, flotte più vecchie e condizioni meteorologiche estreme”.

    Ma la perdita totale delle navi non è l’unico elemento da considerare per valutare la sicurezza della navigazione e il rapporto sottolinea l’aumento degli incidenti, che nel 2021 sono stati circa tremila. E in questo caso l’area che mostra il maggior numero è quella intorno alle Isole britanniche, con 668 casi. Le principali cause sono i danni ai macchinari, che sono oltre un terzo del totale globale (1.311), seguiti da collisioni (222) e incendi (178). Quest’ultimo è il dato più preoccupante, perché è aumentato di quasi il dieci percento.

    Lo scorso anno due incendi hanno portato alla perdita totale delle navi, quelli della car carrier Felicity Ace e della portacontainer X-Press Pearl. Erano due grandi navi che trasportavano carichi di alto valore. Allianz sottolinea che negli ultimi cinque anni sono avvenuti ben settanta incendi su portacontainer: “Gli incendi iniziano spesso nei container stessi e possono essere il risultato della mancata o errata dichiarazione di carichi pericolosi, come sostanze chimiche e batterie; circa il 5% dei container spediti sono composti da merci pericolose non dichiarate. L’incendio di una grande nave può diffondersi rapidamente ed essere difficile da controllare e spesso l'equipaggio è costretto ad abbandonare la nave cosa che può aumentare significativamente il costo finale di un sinistro”.

    Le fiamme a bordo sono uno dei principali fattori di danno anche nel trasporto di autoveicoli, sia in ro-ro e ro-pax che operano sul breve e medio raggio, sia sulle car carrier oceaniche. “Di solito iniziano nelle stive e sono causati da malfunzionamenti o cortocircuiti elettrici nei veicoli e i ponti aperti possono lasciarli diffondere rapidamente. Il crescente numero di veicoli elettrici trasportati via mare provoca ulteriori rischi, dato che le contromisure esistenti potrebbero non rispondere efficacemente in caso di incendio di un veicolo elettrico. Le perdite possono essere molto costose dato il valore del carico e il costo della rimozione del relitto e del disinquinamento”.

    Un altro aspetto importante che riguarda tutti gli incidenti durante la navigazione riguarda le operazioni di salvataggio, a iniziare dalla ricerca di un porto sicuro. Il caso della X-Press Pearl è emblematico, perché la nave è affondata proprio perché due porti hanno rifiutato di accoglierla, a causa di un carico di acido nitrico a bordo. Ci sono poi gli elevati costi per il salvataggio, perché sono necessarie attrezzature specializzate, rimorchiatori, gru o chiatte. Il rapporto cita il caso della porta-rinfuse Golden Ray, che si è ribaltata fuori dal porto statunitense di Brunswick nel 2019 e il cui recupero ha richiesto quasi due anni e un costo di oltre 800 milioni di dollari.

    L’incidente navale comporta anche costi rilevanti anche dal punto di vista ambientale, perché gli armatori sono coinvolti anche nelle spese per il recupero di materiale o carburante disperso, nella rimozione dei relitti e nel recupero di ambienti eventualmente compromessi: “In precedenza, un relitto poteva essere lasciato in loco se non rappresentava un pericolo per la navigazione, mentre adesso le autorità vogliono che i relitti siano rimossi e che l'ambiente marino sia ripristinato, indipendentemente dal costo”. In tutti questi casi l’invocazione del General Average spalma i costi anche sui proprietari del carico, come avvenuto nei casi delle portacontainer incagliate Ever Forward (negli Stati Uniti) ed Ever Given (nel Canale di Suez).

    La pandemia di Covid-19 ha ulteriormente compromesso la sicurezza della navigazione, a causa del forte aumento della domanda di trasporto marittimo di container dopo i primi confinamenti in Cina ed Europa del 2020. Ciò spinge alcuni armatori a trasportare i contenitori su navi porta-rinfuse e perfino cisterne: “In questo caso l'uso di navi non progettate per container solleva domande sulla stabilità, sui sistemi antincendio e sulla sicurezza del carico. Le navi porta-rinfuse non sono progettate per trasportare container, il che potrebbe avere un impatto sulle loro caratteristiche di manovra in caso di maltempo e l'equipaggio potrebbe non essere in grado di rispondere adeguatamente in caso di incidente”.

    Un altra conseguenza dell’aumento della domanda di trasporto è l’allungamento della vita operativa delle navi. Il rapporto segnala che stava già aumentando prima della pandemia, ma il coronavirus ha accentuato questa tendenza: “Anche se ci sono molte flotte ben gestite e manutenute composte da navi più vecchie, l'analisi ha dimostrato che le navi container e cargo più datate (di età compresa tra i 15 e i 25 anni) hanno maggiori probabilità di provocare sinistri, poiché soffrono la corrosione e i sistemi e i macchinari sono più soggetti a guasti. L'età media di una nave coinvolta in una perdita totale negli ultimi 10 anni è di 28 anni”.

    Infine non bisogna trascurare il fattore umano, che secondo il rapporto di Allianz e la causa del 75% degli incidenti in mare. La pandemia ha diminuito il benessere degli equipaggi, che spinge i marittimi più qualificati ed esperti a lasciare il settore e complica il reclutamento di nuovo personale. Il rapporto prevede che entro cinque anni emergerà una grave carenza di ufficiali, mentre in chi rimane “il morale è basso perché le pressioni commerciali, i doveri di conformità alle regole e i carichi di lavoro sono invece molto alti. Caricare e scaricare le navi è un'operazione particolarmente rischiosa, per la quale anche piccoli errori possono avere grandi conseguenze. I porti per container sono sempre più affollati e hanno poco spazio, mentre la manodopera esperta necessaria per gestire correttamente i container scarseggia. Se si aggiungono i tempi di rotazione veloci, il risultato può essere un ambiente a rischio elevato”.

    Nel 2022 un nuovo elemento contribuisce a ridurre la sicurezza della navigazione: la guerra in Ucraina, che ha già causato la perdita di navi e marittimi nel Mar Nero e porta conseguenze anche nella formazione degli equipaggi. I lavoratori russi rappresentano circa il dieci percento e gli ucraini il quattro percento di marittimi (che sono complessivamente 1,89 milioni). Ma non è tutto: “Un conflitto prolungato potrebbe avere conseguenze più profonde, potenzialmente rimodellando il commercio globale di energia e altre materie prime. Un embargo esteso sul petrolio russo potrebbe contribuire ad aumentare il costo del combustibile e avere un impatto sulla sua disponibilità, spingendo gli armatori ad utilizzare carburanti alternativi. Se questi fossero di qualità inferiore agli standard, si potrebbe arrivare ad avere in futuro richieste di risarcimento per guasti ai macchinari. In questo scenario, le agenzie di sicurezza continuano a mettere in guardia su un'accresciuta prospettiva di rischi informatici per il settore marittimo quali blocco dei Gps, spoofing del sistema di identificazione automatica (Ais), problemi alle comunicazioni e interferenze elettroniche”.

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

      bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

     

     

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

     

Videocast K44

Aereo

  • La revoca di Easa sulle merci in cabina potrà penalizzare AlisCargo

    La revoca di Easa sulle merci in cabina potrà penalizzare AlisCargo

    La compagnia italiana del trasporto aereo delle merci AlisCargo ha quattro apparecchi, ma sono tutti passeggeri che caricano merci nella cabina destinata alle persone. Una possibilità che l’Agenzia europea Easa non consentirà da agosto, riducendo la capacità della compagnia.

Ferrovia

  • Maersk avvia trasporto treno-mare dalla Cina

    Maersk avvia trasporto treno-mare dalla Cina

    Maersk ha avviato una nuova rotta per trasportare i container dalla Cina all’Europa che evita il transito attraverso Russia e Bielorussia. È un bimodale treno-mare che usa una nave feeder tra Georgia e Romania.
Torc avvia ricerca in Europa sul camion autonomo

TECNICA

Torc avvia ricerca in Europa sul camion autonomo
Seconda generazione di retrocamere MirrorCam di Mercedes

TECNICA

Seconda generazione di retrocamere MirrorCam di Mercedes
Volvo rilancia il diesel ed estende il camion elettrico

TECNICA

Volvo rilancia il diesel ed estende il camion elettrico
Gemelli digitali Siemens per l’intralogistica

TECNICA

Gemelli digitali Siemens per l’intralogistica
K44 videocast | quattro minuti sull’evoluzione del diesel

TECNICA

K44 videocast | quattro minuti sull’evoluzione del diesel
previous arrow
next arrow
Tribunale di Milano commissaria DB Schenker per infiltrazioni mafiose

LOGISTICA

Tribunale di Milano commissaria DB Schenker per infiltrazioni mafiose
Intesa tra porto di Genova e DP World sulla logistica

LOGISTICA

Intesa tra porto di Genova e DP World sulla logistica
Il camion elettrico cresce nelle flotte italiane

LOGISTICA

Il camion elettrico cresce nelle flotte italiane
Dhl ordina 44 camion elettrici a Volvo Trucks

LOGISTICA

Dhl ordina 44 camion elettrici a Volvo Trucks
MBE cresce nella logistica di prossimità con un’acquisizione

LOGISTICA

MBE cresce nella logistica di prossimità con un’acquisizione
previous arrow
next arrow
Scoperto contrabbando di gasolio in container a Taranto

ENERGIE

Scoperto contrabbando di gasolio in container a Taranto
K44 videocast | che cosa sono i carburanti bio e sintetici per diesel

ENERGIE

K44 videocast | che cosa sono i carburanti bio e sintetici per diesel
Idroelettrico più solare, doppia fonte energetica rinnovabile in Portogallo

ENERGIE

Idroelettrico più solare, doppia fonte energetica rinnovabile in Portogallo
Italia entra nell’economia di guerra con nuovo rigassificatore

ENERGIE

Italia entra nell’economia di guerra con nuovo rigassificatore
Governo proroga i benefici per il carburante fino a luglio

ENERGIE

Governo proroga i benefici per il carburante fino a luglio
previous arrow
next arrow
Accordo tra Italia e Romania sul distacco dei lavoratori

CAMIONSFERA

Accordo tra Italia e Romania sul distacco dei lavoratori
Incendio nel magazzino Beltom di Bari

CAMIONSFERA

Incendio nel magazzino Beltom di Bari
3000 euro di multa per manipolazione tachigrafo e AdBlue

CAMIONSFERA

3000 euro di multa per manipolazione tachigrafo e AdBlue
Camionista denunciato per guida con Cqc falsa

CAMIONSFERA

Camionista denunciato per guida con Cqc falsa
Indagine di CamionPro sullo sfruttamento degli autisti dell’Est

CAMIONSFERA

Indagine di CamionPro sullo sfruttamento degli autisti dell’Est
Sei indagati a Novara per esami della patente truccati

CAMIONSFERA

Sei indagati a Novara per esami della patente truccati
La Germania verso riconoscimento delle patenti ucraine

CAMIONSFERA

La Germania verso riconoscimento delle patenti ucraine
Polizia belga sequestra camion bulgari per dumping sociale

CAMIONSFERA

Polizia belga sequestra camion bulgari per dumping sociale
Condannata in Francia la banda di ladri di camion acrobati

CAMIONSFERA

Condannata in Francia la banda di ladri di camion acrobati
Brucia un camion russo nel novarese

CAMIONSFERA

Brucia un camion russo nel novarese
K44 videocast | multe col giallo, si possono contestare?

CAMIONSFERA

K44 videocast | multe col giallo, si possono contestare?
Multa di 15mila euro a camionista per patente

CAMIONSFERA

Multa di 15mila euro a camionista per patente
Sei camionisti su cento hanno violato in UE riposo o cronotachigrafo

CAMIONSFERA

Sei camionisti su cento hanno violato in UE riposo o cronotachigrafo
Sentenza su aggravanti per l’autista nel fissaggio del carico

CAMIONSFERA

Sentenza su aggravanti per l’autista nel fissaggio del carico
Waberer’s sta assumendo autisti indiani

CAMIONSFERA

Waberer’s sta assumendo autisti indiani
previous arrow
next arrow