Array ( [0] => 10 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Grimaldi battezza car carrier da 7700 ceu


Il Gruppo Grimaldi ha una nuova Pure Car & Truck Carrier da 7700 ceu, che ha battezzato Grande Torino nel giorno del cinquantesimo anniversario della collaborazione tra la compagnia marittima e la Fiat (oggi Fca). L'8 novembre del 1969 Grimaldi battezzò la prima car carrier con livrea Grimaldi Lines con il nome di Warrington, rendendo così omaggio alla città dove aveva sede la filiale britannica della Casa torinese. Questa nave venne impiegata per trasportare autovetture Fiat dall'Italia al Regno Unito. Oggi la Grande Torino naviga sulla rotta con frequenza settimanale tra il Mediterraneo e il Nord America, servendo sempre il Gruppo torinese (ma non solo). La sua rotazione comprende i porti di Gioia Tauro, Civitavecchia, Livorno, Savona (Italia), Valencia (Spagna), Anversa (Belgio), Halifax (Canada), Davisville, New York, Baltimora, Jacksonville, Houston (USA), Tuxpan e Veracruz (Messico).
La Grande Torino è la prima di sette car carrier gemelle ordinate al cantiere cinese Yangfan di Zhoushan. La nave è lunga 199,90 metri e larga 36,45 metri, con una stazza lorda di 65.255 tonnellate e una velocità di crociera di 19 nodi. Può trasportare circa 7700 ceu (car equivalent unit) o in alternativa 5400 metri lineari di merce rotabile e 2737 ceu. I suoi quattro ponti mobili le offrono un'elevata flessibilità, accentuata da due rampo di accesso, una laterale e una a poppa. Oltre ad autovetture, la Grande Torino può imbarcare qualsiasi tipo di carico rotabile fino a 5,3 metri di altezza. La nave è mossa da un motore Man Energy Solutions a controllo elettronico, come richiesto dalle nuove normative per la riduzione delle emissioni di ossido di azoto (Nox) e ha uno scrubber per l'abbattimento delle emissioni di ossido di zolfo (SOx). Rispetta anche le più recenti normative in termini di trattamento delle acque di zavorra.
"Diamo oggi il benvenuto alla nuova ammiraglia del nostro Gruppo per il trasporto di auto, che rappresenta un ulteriore e significativo passo in avanti nella direzione di una flotta sempre più ecofriendly, che garantisca un trasporto marittimo realmente sostenibile: la Grande Torino è infatti un'unità altamente tecnologica, dotata di motore a controllo elettronico e di sistemi all'avanguardia in grado di abbattere le emissioni inquinanti", ha dichiarato Emanuele Grimaldi. "Il nome di questa unità richiama la città dove ha sede operativa Fiat Chrysler Automobiles, onorando così la lunga e fruttuosa partnership che ci lega da mezzo secolo a una delle più importanti case automobilistiche al mondo".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    Cinque sigle dell’autotrasporto chiedono un incontro al Governo per affrontare i problemi degli autotrasportatori dell’acciaio che lavorano con l’ArcelorMittal, soprattutto il ritardo dei pagamenti e la revisione delle condizioni contrattuali.

Logistica

  • Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Dopo i 107 casi di positività al coronavirus, i controlli dell’Ausl di Bologna hanno rivelato almeno diciotto persone positive che operano nella vicina piattaforma Tnt. I sindacati chiedono provvedimenti per fermare il contagio.

Mare

  • Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Il sindacato di base SiCobas ha bloccato per alcune ore l’accesso del terminal container del porto di Napoli Conateco nell’ambito di una vertenza contro il licenziamento di alcuni lavoratori. Ripercussioni anche nella viabilità cittadina.