Array ( [0] => 10 )

Primo piano

  • Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Le rilevazioni della Iata sul trasporto aereo delle merci del 2019 mostrano che è stato il peggiore anno dal 2009, quando scoppiò la crisi macroeconomica da cui il settore è emerso lentamente. Un’eventuale ripresa quest’anno potrebbe essere ostacolata dall’epidemia di coronavirus.

Podcast K44

Normativa

Dogana vuole digitalizzare i porti

L'agenzia di stampa AdnKronos annuncia che domani l'Agenzia delle Dogane illustrerà un programma che prevede importanti cambiamenti nelle attività portuali, con l'obiettivo di semplificare le procedure per gli operatori per attrarre traffici negli scali italiani. Il piano si chiama "Progetto speciale per la digitalizzazione delle procedure doganali nei porti" e secondo AdnKronos "prevede la stretta collaborazione di tutti gli attori coinvolti nel ciclo portuale al fine d'implementare progressivamente nei porti e nei nodi logistici italiani". Alcune soluzioni sono già state introdotte nel porto di Bari con un progetto pilota attuato nell'ambito del Programma operativo nazionale Infrastrutture e Reti 2014-2020.
In concreto, l'Agenzia delle Dogane vuole usare tecnologie come Internet delle Cose, Blockchain e Intelligenza Artificiale per trasferire in digitale tutte le procedure d'imbarco e sbarco in banchina e d'ingresso e uscita dai porti (tramite l'automazione dei gate), dei controlli sullo stoccaggio e delle merci e del pagamento delle tasse d'ancoraggio e portuali. AdnKronos aggiunge che "il progetto si basa sull'interoperabilità tra il sistema informativo doganale dell'Agenzia (Aida) e quello dell'autorità portuale (Port Community System – Gaia) e sulla realizzazione di un sistema integrato di monitoraggio dei flussi merci nel porto, nell'ottica di velocizzare gli adempimenti, ottimizzare il ciclo portuale, aumentare la sicurezza e la capacità di controllo della Dogana".
L'attuazione del programma si svilupperà in quattro fasi. Nella prima sarà stabilito il modello d'interoperabilità necessario per scambiare i dati tra i sistemi informatici delle Dogane e dei porti, usando l'esperienza in corso a Bari. Nella seconda sarà definito un portafoglio di progetti considerando la disponibilità delle Autorità di Sistema Portuale e delle priorità d'intervento. Nella terza fase si avvieranno alcuni progetti nei porti che hanno comunicato la propria disponibilità a collaborare al progetto, purché abbiano le condizioni tecniche e operative necessarie.
Nell'ultima fase i progetti saranno estesi a tutti i porti. Le soluzioni tecniche saranno "flessibili e aperte", ossia non saranno imposte dall'Agenzia delle Dogane e le singole Autorità portuali potranno implementare le tecnologie che stanno già usando.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

Logistica

  • FedEx interessata alle attività di Hermes

    FedEx interessata alle attività di Hermes

    Secondo indiscrezioni, la multinazionale del trasporto espresso FedEx intende acquisire alcune attività della società di trasporto Hermes, specializzata nel trasporto nell’ultimo miglio.

Mare