Primo piano

  • Completato il corridoio merci di Luino

    Completato il corridoio merci di Luino

    Sono terminati i lavori di adeguamento della sagoma tra Gallarate e Laveno Mombello sulla linea internazionale diretta al Gottardo, l'ultimo tassello che mancava per eliminare i vincoli ai trasporti intermodali. Obiettivo centrato per l'appuntamento con il Ceneri nel 2020.

Podcast K44

Normativa

Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

Londra lascia all’Unione Europea solo quattro mesi di tempo per trovare una bozza generale di un accordo che sciolga i numerosi nodi causati dall’uscita del Regno Unito dall’Unione. Il divorzio formale è avvenuto il 1° gennaio 2020, ma è previsto un periodo di transizione di un anno, fino al 31 dicembre, stilare un accordo commerciale generale e numerosi accordi in campi specifici, tra cui il trasporto, necessari per proseguire senza difficoltà gli scambi di merci e di persone.

Però il 27 febbraio Londra ha deciso di accelerare i tempi senza preavviso, dichiarando che vuole trovare un accordo di massima entro giugno, da finalizzare entro settembre, altrimenti adotterà un accordo simile a quello dell’Australia, che si basa sulle regole fondamentali dell’Organizzazione Mondiale del Commercio, interrompendo così il periodo transitorio. La dichiarazione del Governo inglese viene alla vigilia dei colloqui formali tra le parti, che inizieranno il 1° marzo e serve evidentemente per spaventare Bruxelles. Finora, le delegazioni non sono riuscite neppure a definire la modalità della trattativa.

Il rischio è uno stallo o perfino un fallimento del dialogo, a causa dei nodi presenti da tempo e che hanno finora rinviato la Brexit, primo tra tutti quello del confine in Irlanda tra Ulster e Dublino. Una situazione che potrebbe portare al fallimento della trattativa, tornando allo spettro della hard Brexit, ossia l’uscita senza accordi. “Rispetteremo tutti i nostri precedenti impegni nella dichiarazione politica”, ha twittato Michel Barnier, capo negoziatore dell’Unione Europea, aggiungendo che “in futuro, vogliamo una partnership ambiziosa ed equa con il Regno Unito”.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Autotrasporto

Logistica

  • Idir Logistica costruirà piattaforma a Maddaloni

    Idir Logistica costruirà piattaforma a Maddaloni

    L’azienda campana Idir Logistica intende riqualificare un immobile dismesso per realizzare una piattaforma nell’Interporto Sud Europa, con il supporto d’Invitalia e Fondiper Ricerca & Sviluppo.

Mare

  • Fusione Psa-Sech a Genova rinviata all’Avvocatura di Stato

    Fusione Psa-Sech a Genova rinviata all’Avvocatura di Stato

    L'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale annuncia il rinvio all’Avvocatura di Stato del dossier sulla fusione tra i terminal container di Psa Pra’ e Sech, dopo non avere ricevuto una risposta dal ministero dei Trasporti.