Array ( [0] => 13 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Cronaca

La Brexit ostacola il trasporto espresso verso la Gran Bretagna

Le nuove procedure alle frontiera tra Unione Europea e Gran Bretagna stanno ostacolando il commercio elettronico, perché alcuni grandi operatori del trasporto espresso hanno deciso di sospendere temporaneamente le spedizioni verso l’isola. La decisione più eclatante è quella di DB Schenker, che in un comunicato del 13 gennaio 2020 annuncia la sospensione dei servizi per la Gran Bretagna perché “i documenti doganali forniti con le spedizioni sono spesso incompleti”. La società precisa che solo il dieci percento di tali documenti sono completi o privi di errori e ogni spedizione irregolare ritarda la partenza del relativo viaggio.

Per affrontare questa situazione, DB Schenker ha creato una Task Force Brexit già da un anno, che ha lo scopo di supportare i clienti nella produzione dei documenti doganali. Ma ciò non è bastato e quindi la società ha sospeso il servizio per la Gran Bretagna. La società tedesca ricorda che i documenti devono contenere una fattura conforme alle norme doganali in vigore e un documento di autorizzazione doganale (procura) per attivare lo sdoganamento.

Inoltre, l’importatore deve emettere una procura doganale e fornire tutte le informazioni rilevanti per la dogana, come il codice merceologico che si trova nella tariffa del Regno Unito. Per quanto riguarda quest'ultimo obbligo, DB Schenker raccomanda ai mittenti e ai destinatari di mantenere stretti contatti tra loro. DB Schenker prevede che la situazione potrebbe aggravarsi a gennaio per l’aumento delle spedizioni destinate all’isola.

Anche DPD ha annunciato la sospensione delle spedizioni per la Gran Bretagna, per gli stessi motivi di DB Schenker. Dal 13 gennaio sono sospese anche le spedizioni dalla Gran Bretagna verso l’Unione Europea. La società spiega ai clienti britannici che “l’accordo stilato tra GB e UE comporta procedure più complesse e richieste di dati doganali per i pacchi destinati ai Paesi comunitari. Ciò si somma ai ritardi nei porti britannici, mettendo sotto pressione i tempi di transito e consegna”. La società rileva che il venti percento delle spedizioni ha dati incompleti o non corretti e quindi devono essere restituiti ai clienti.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • L’autotrasporto ittico scozzese protesta a Londra

    L’autotrasporto ittico scozzese protesta a Londra

    Oltre cinquanta veicoli industriali scozzesi hanno manifestato a Londra, sotto la sede del Governo, per protestare contro le norme successive alla Brexit che ostacolano l’esportazione di prodotti ittici.

Mare

TECNICA

Gli Usa si preparano alla guida autonoma dei camion

TECNICA

UE finanzia con 20 milioni il camion autonomo

TECNICA

Uber vende la divisione sulla guida autonoma

TECNICA

Ford Trucks amplia la gamma dei camion in Italia

TECNICA

Appare il prototipo del Nikola Tre costruito in Europa
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Amazon aprirà due logistiche in Piemonte ed Emilia

LOGISTICA

Voli cargo a zero emissioni tra Europa e Nord America

LOGISTICA

In fiamme piattaforma logistica di Amazon a Milano

LOGISTICA

Total ed Engie produrranno idrogeno da fonti rinnovabili in Francia

LOGISTICA

Grendi potenzia logistica e rotte per la Sardegna
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

L’autotrasporto ittico scozzese protesta a Londra

BREXIT

La Brexit ostacola il trasporto espresso verso la Gran Bretagna

BREXIT

Primi problemi per l’autotrasporto dopo la Brexit

BREXIT

Aumentano i prezzi dell’autotrasporto per la Gran Bretagna

BREXIT

Prosegue l’obbligo del test Covid-19 da GB alla Francia
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Chiesto processo per due camionisti per investimento su A2

CAMIONSFERA

K44 podcast: la grande trappola del Kent

CAMIONSFERA

Sindacati francesi mobilitano gli autisti di veicoli industriali

CAMIONSFERA

Scoperti 22 kg di cocaina su un camion bulgaro

CAMIONSFERA

Italia e Germania alleate contro i divieti dell’Austria

CAMIONSFERA

Il mercato dei veicoli industriali limita le perdite del 2020

CAMIONSFERA

Il britannico Consortium Purchasing ordina 2250 camion Scania

CAMIONSFERA

Sequestrato un panino al prosciutto a camionista proveniente da GB

CAMIONSFERA

Massicci investimenti delle ferrovie russe sull’asse Europa-Asia

CAMIONSFERA

Consegnati in Italia i primi nuovi Scania V8 da 770 CV

CAMIONSFERA

Prosegue l’obbligo del test Covid-19 da GB alla Francia

CAMIONSFERA

Il Salone del trasporto per l’edilizia è rinviato al 2023

CAMIONSFERA

Multa di 9700 euro in Danimarca per manomissione cronotachigrafo

CAMIONSFERA

Aspi estende chiusura caselli Genova fino a 11 gennaio

CAMIONSFERA

CNH tratta con la cinese FAW per la vendita d’Iveco
previous arrow
next arrow
Slider