Array ( [0] => 13 )

Primo piano

  • Pronti dieci camion elettrici Lion per Amazon

    Pronti dieci camion elettrici Lion per Amazon

    Entro la fine del 2020 il costruttore canadese Lion Electric consegnerà ad Amazon i primi due esemplari del suo autocarro elettrico e altri otto seguiranno nel 2021. La compagnia ferroviaria CN firma un ordine per cinquanta trattori.

Podcast K44

Normativa

Grimaldi acquista grande area a Livorno


Mentre nel porto di Livorno deflagrava la bomba giudiziaria dell'indagine avviata dalla Procura per presunto abuso di ufficio sulla concessione temporanea di alcuni accosti rilasciate nel decennio passato, il Gruppo Grimaldi si è aggiudicato un'altra preziosa area in porto. Lo rivela Costantino Baldissara, direttore commerciale e operativo del gruppo partenopeo, annunciando l'imminente chiusura dell'affare che porterà Grimaldi a insediarsi nell'ex fabbrica Trinseo, a pochi metri di distanza dal L.T.M. Livorno Terminal Marittimo controllato dal principale concorrente, il gruppo Moby.
"Confermo che abbiamo firmato il compromesso e chiuderemo a breve, appena completate le opere di bonifica, l'acquisizione dell'area dove sorgeva lo stabilimento di Trinseo. Si parla di circa 115mila metri quadrati dove l'investimento previsto per il nostro gruppo è nell'ordine dei 15 milioni di euro", ha precisato Baldissara, aggiungendo che "il piazzale sarà utilizzato per la nostra attività di movimentazione delle auto ma non abbiamo in previsione di realizzare un silos per lo stoccaggio dei mezzi".
Con questa operazione, il gruppo armatoriale napoletano s'impossessa di un'area ampia proprio nel cuore del porto livornese che per Grimaldi rappresenta uno snodo cruciale sia per le linee di cabotaggio marittimo che per la logistica automotive. La porzione di banchina in questione, che non gode di accesso diretto al mare ma è direttamente raccordata alla ferrovia, è attualmente occupata dalle infrastrutture logistiche che il gruppo Trinseo (multinazionale attiva nella produzione di plastiche stireniche, gomme e lattici per l'industria cartaria) aveva utilizzato fino alla definitiva chiusura dell'attività, avvenuta nell'estate del 2016.
Le cronache locali raccontano che una delle ragioni che avevano portato a questa chiusura era la difficoltà a far arrivare e partire treni misti carichi di prodotti chimici e di materie prime per l'industria della plastica dopo l'inasprimento delle regole conseguenti alla strage di Viareggio. Un fattore che aveva di fatto reso sempre meno competitiva la possibilità di servire via ferrovia lo stabilimento Trinseo interno al porto e, anche per questo, la proprietà americana ne decretò la chiusura. Criticità logistiche e normative che non dovrebbero invece riguardare le auto o comunque i prodotti dell'industria automotive e per questo nei piani di Grimaldi è probabile ci sia anche uno sfruttamento della modalità ferroviaria per i veicoli in arrivo e in partenza dallo scalo.

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

  • Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio

    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio

    A due anni dalla sua introduzione in Italia, il servizio di trasporto espresso di pallet Astre Plus si espande anche all’estero. Il direttore Davide Napolitano spiega le caratteristiche che lo distinguono dai servizi tradizionali e i vantaggi per affiliati e clienti.

Videocast K44

Autotrasporto

Logistica

Mare

  • Tirrenia vuole chiudere alcune rotte con la Sardegna

    Tirrenia vuole chiudere alcune rotte con la Sardegna

    L’amministratore delegato di Tirrenia, Massimo Mura, ha annunciato che dal 1° dicembre la compagnia eliminerà alcuni collegamenti in regime di continuità territoriale con la Sardegna a causa dell’incertezza sulla proroga della convenzione.