Array ( [0] => 13 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Fercam da Livorno punta all’Africa del nord


L'ufficio Fercam di Livorno ha aperto nel 2013 come distaccamento della filiale di Parma specializzato nei trasporti internazionali project cargo e fuori sagoma. Grazie a questa sede, ora la società amplia l'offerta di trasporto con il Nord Africa, offrendo due collegamenti marittimi settimanali da Livorno, Civitavecchia e Salerno, che si aggiungono a quelli che salpano da Genova. Fercam utilizza ro-ro di Cotunav e Grimaldi, che possono caricare semirimorchi telonati, furgonati, megatrailer e frigo. Oltre che un servizio a carico completo, la società svolge distribuzione internazionale con consolidamento a Rho (Milano), Prato e Padova.
In Tunisia, le spedizioni sono seguite dalla filiale Fercam di Tunisi, che ha propri magazzini e un servizio doganale interno. Gli uffici tunisini offrono assistenza sulle pratiche doganali in importazione ed esportazione da Tunisia e Libia. "Le principali categorie merceologiche che viaggiano su questa rotta sono moda, frutta, materiali per l'edilizia e automotive", spiega Hans Splendori, responsabile vendite della Divisione Transport. "Molto spesso, partono dall'Italia merci in conto lavorazione o semilavorati e dalla Tunisia tornano i prodotti finiti".
Dalla Tunisia arrivano anche prodotti ortofrutticoli, che poi Fercam distribuisce in tutta l'Europa. "Proprio in questi giorni, con il caldo torrido, stiamo rifornendo una grande catena alimentare di cocomeri tunisini in quanto il mercato italiano non è in grado di soddisfare la straordinaria richiesta di questi frutti. Altrettanto interessante come merceologia è la mela altoatesina, che attraverso la Tunisia raggiunge le tavole libiche" conclude Splendori.
La Tunisia ha forti relazioni commerciali con l'Italia, grazie anche alla presenza d'industrie operanti nei settori calzaturiero e dei cablaggi per gli autoveicoli. L'Italia è il secondo partner commerciale della Tunisia, dopo la Francia e prima della Germania. L'Unione Europea è il principale partner commerciale della Tunisia: accoglie il 73% delle esportazioni tunisine e copre il 62% delle importazioni. Sul territorio tunisino operano 750 aziende italiane, che rappresentano il 25% delle imprese del Paese.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

  • Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee

    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee

    Il progetto ADRIPASS ha lo scopo di migliorare l’accessibilità delle reti di trasporto europee con connessioni più efficienti dai porti dell’Adriatico all’entroterra e riducendo i tempi di attese alle frontiere dei Balcani. Ne parla una conferenza online il 2 dicembre.

Videocast K44

Autotrasporto

  • Tornano  costi minimi dell’autotrasporto

    Tornano costi minimi dell’autotrasporto

    Il 27 novembre 2020 il ministero dei Trasporti ha annunciato la pubblicazione del Decreto sui “costi indicativi di riferimento dell’attività di autotrasporto merci”.

Logistica

Mare

  • Porti liguri puntano sulla Svizzera dal 2024

    Porti liguri puntano sulla Svizzera dal 2024

    La connessione ferroviaria tra i porti di Genova e Savona e la Svizzera è stata la centro della terza edizione di “Un mare di Svizzera”. L’anno di svolta sarà il 2024 e PSA annuncia una filiale nella Confederazione Elvetica.