Array ( [0] => 13 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Amazon espande nella logistica con micro e macro magazzini

Che Amazon stia ampliando e potenziando la rete di piattaforme logistiche è un fatto ormai noto e lo dimostra il caso italiano, dove negli ultimi mesi – e in piena pandemia di Covid-19 – il colosso del commercio elettronico ha inaugurato uno hub a Colleferro (Roma) e quattro centri distributivi locali a Rovigo, Milano, Catania e Parma (e presto ne aprirà un quinto a Udine). Ma pare che la strategia logistica di Amazon non si limiti ad aprire nuove piattaforme, bensì a creare nuovi modelli. Indicazioni in tal senso vengono da due notizie, una provenienti dagli Stati Uniti e l'altra dalla Francia.

Il primo caso indica lo sviluppo di piccoli magazzini urbani. Non è certo un'idea nuova ed è la logica evoluzione delle consegne nell'ultimo miglio spinte dalla crescita del commercio elettronico. Ma ciò che colpisce è la dimensione del fenomeno. Secondo quanto riferisce l'agenzia Bloomberg, Amazon ha in programma la realizzazione di ben 1500 micro magazzini in diverse città statunitensi, con lo scopo di ridurre ulteriormente i tempi di consegna, soprattutto per i clienti del servizio Prime.

Molti di questi micro-depositi sorgerebbero in luoghi molto frequentati, come per esempio centri commerciali, concessionarie di autovetture, ristoranti fast food. Questi impianti pur avendo una dimensione minore dei depositi di distribuzione, possono lavorare un'elevata quantità di prodotti grazie all'introduzione di sistemi di automazione all'avanguardia, come cobot e robot, e una maggiore intensità di manodopera.

Con questi impianti, Amazon opera su due fronti della concorrenza: verso le grandi carene di retail che stanno potenziando l'e-commerce (come Walmart, che negli Usa ha avviato il servizio Plus in diretta competizione con Prime) e verso i grandi corrieri espressi (come FedEx e Ups) che hanno già una vasta rete di magazzini di prossimità.

In Europa invece Amazon sta sviluppando il modello del mega-magazzino e un esempio viene dalla Francia, dove il quotidiano Les Echos riferisce che la multinazionale ha chiesto al Comune di Montbert, vicino a Nantes, l'autorizzazione a costruire una piattaforma logistica di 185mila metri quadrati. In pratica, sarà un edificio lungo 318 metri e alto 23,5 metri, che avrà una capacità di 113mila metri cubi. Dovrebbe esere operativo 24 ore su 24 e sette giorni su sette, occupando 2500 persone e muovendo 220 camion al giorno. Questa sarebbe la seconda struttura di questo tipo in Francia, dopo quella in costruzione a Metz. Per avere un'idea delle dimensioni, gli hub italiani di Castel San Giovanni e Vercelli hanno una superficie di 100mila metri quadrati ciascuno.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

  • Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee

    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee

    Il progetto ADRIPASS ha lo scopo di migliorare l’accessibilità delle reti di trasporto europee con connessioni più efficienti dai porti dell’Adriatico all’entroterra e riducendo i tempi di attese alle frontiere dei Balcani. Ne parla una conferenza online il 2 dicembre.

Videocast K44

Autotrasporto

Logistica

Mare

  • Due gru ferroviarie al PSA Pra’

    Due gru ferroviarie al PSA Pra’

    Il terminal container PSA Pra’ del porto di Genova ha messo in servizio due gru di ferrovia, che hanno richiesto un investimento di sette milioni di euro. Contribuiscono ad aumentare il trasporto su rotaia dei contenitori.