Array ( [0] => 13 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Amazon aprirà seconda logistica a Roma


In un comunicato diffuso oggi, Amazon annuncia che nei prossimi mesi inizieranno le operazioni del nuovo centro di smistamento di Roma, che da Settecamini servirà il Lazio occupando, quando sarà a regime, 115 persone, tra cui 35 operatori del magazzino a tempo indeterminato e 80 autisti che svolgeranno la consegna nell'ultimo miglio. Questi ultimi lavorareanno alle dipendenze dei fornitori esterni di autotrasporto. Riguardo a questi ultimi, la società scrive che "lavorerà con diversi fornitori locali di servizi di consegna, continuando a investire nella sua rete di trasporti e in altre soluzioni innovative per espandere la propria capacità di consegna e velocizzare le spedizioni per i clienti". Il magazzino avrà una superficie di novemila meti quadrati. Questo sarà in secondo impianto di Amazon nell'area della Capitale.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • L’Europa riconosce le proroghe dei documenti di camion e autisti

    L’Europa riconosce le proroghe dei documenti di camion e autisti

    Il 20 maggio 2020, il Consiglio d’Europa ha definitivamente approvato il Regolamento che estende all’intera Unione Europea le proroghe attuate da alcuni Paesi sulle scadenze dei documenti degli autisti e le revisioni dei veicoli industriali. Rinvio anche delle tasse portuali.

Logistica

  • Confetra vuole più risorse per i porti

    Confetra vuole più risorse per i porti

    Commentando il Decreto Rilancio, il presidente di Confetra riconosce passi in avanti sulle agevolazioni fiscali, ma chiede maggiori risorse per i porti e un processo di semplificazione.

Mare