Array ( [0] => 14 )

Primo piano

  • Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    A meno di due mesi dall’uscita ufficiale del regno Unito dall’Unione Europea e alla vigilia dei negoziati per gli accordi in diversi settori, tra cui il trasporto, Londra minaccia che di ridurre la fase transitoria di sei mesi se nelle prossime settimane non avverranno “buoni progressi”.

Podcast K44

Normativa

Dal 2019 i primi treni merci sull’Alta Velocità italiana


Prende forma il progetto di trasporto ferroviario delle merci sulla linea Alta Velocità promosso da Interporto Servizi Cargo. A svelare i passi avanti che sono stati fatti dai primi annuncia degli anni passati è stato Francesco Pagni, direttore di Interporto Servizi Cargo, in occasione del convegno intitolato "I primi effetti della cura del ferro", organizzato a Roma da Fercargo.
Il crono-programma della futura operatività dei treni, quantomeno sulla base delle tracce orarie già acquisite dall'impresa ferroviaria campana con un contratto quadro di RFI, saranno queste: nel 2019 (dopo che la seconda metà del 2018 sarà occupato dalla sperimentazione del servizio) sei treni circoleranno sulla tratta Pomezia-Verona, sei sulla Melzo-Pomezia e sei sulla Novara-Pomezia, per un totale di 18 convogli, destinati a diventare 24 nel 2021 e 36 nel 2023. I tempi di percorrenza saranno di 9 ore da Melzo a Pomezia e 12 ore fino a Nola.
Pagni ha comunicato che la velocità di esercizio non sarà superiore ai 120 chilometri orari, perché l'intenzione non è di fare concorrenza al Frecciarossa, ma piuttosto la possibilità di sfruttare carri che trasportano i semirimorchi da quattro metri che sono già in circolazione in Europa. Il direttore di Isc ha spiegato che oggi la società, così come altre imprese ferroviarie italiane che operano treni da e per il Sud Italia, può trasportare unicamente casse mobili, cisterne, bulk e container e non semirimorchi, a causa dei profili ammessi (massimo PC45) lungo la linea storica.
I cosiddetti mega-trailer, in particolare, hanno un profilo maggiore (sagoma PC80) e rappresentano oggi il mezzo di trasporto più utilizzato in Europa per le merci. Come ha spiegato ancora il direttore di ISC "questo problema, che persisterà ancora per anni lungo la principale linea ferroviaria d'Italia, cioè Milano-Roma-Napoli, può essere risolto in tempi brevi solo utilizzando la linea ferroviaria AV/AC".
Il progetto, oltre che rappresentare un investimento di dimensioni rilevanti, è complesso e necessita di un lungo periodo di preparazione. Prima sarà necessario formare i macchinisti (126 persone da assumere complessivamente), poi saranno da acquisire i convogli e omologare per la prima volta i locomotori che saranno utilizzati sulle linee AV/AC, perché non esistono esperienze paragonabili di utilizzo dei treni merci su infrastrutture così sofisticate come i binari della rete AV italiana.
Il primo fautore di questo progetto è Giuseppe Sciarrone, uno dei principali innovatori nel panorama del trasporto ferroviario in Italia. Fu lui il primo a creare la prima società privata di trasporto ferroviario merci in Italia dopo la fine del monopolio Fs e la liberalizzazione del mercato; lui il primo a dar vita a NTV, la società concorrente di Trenitalia nel settore dell'Alta velocità e lui infine a suggerire di puntare sulla linea AV per trasportare i mega-trailer fino al Centro-Sud Italia.

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Dimissioni dei vertici camion dell’Unrae

    Dimissioni dei vertici camion dell’Unrae

    Annunciate le dimissioni improvvide del presidente della Sezione Veicoli Industriali, Franco Fenoglio, e di quello della Sezione Rimorchi dell'associazione dei costruttori di veicoli esteri Unrae.

Logistica

  • Le proposte di Fedespedi per il Recovery Fund

    Le proposte di Fedespedi per il Recovery Fund

    L'associazione degli spedizionieri Fedespedi indica le priorità per il trasporto delle merci e la logistica da inserire nel programma di spesa che il Governo italiano dovrà presentare all'UE per ottenere le risorse del Recovery Fund. Tre temi: digitalizzazione, connettività e sostenibilità.

Mare