Array ( [0] => 12 )

Primo piano

  • Primi treni merci per la nuova impresa Evm Rail

    Primi treni merci per la nuova impresa Evm Rail

    Dopo la fase di certificazione e formazione del personale, è diventata operativa la nuova compagnia italiana di trasporto ferroviario delle merci Evm Rail, che opera anche in ambito internazionale.

Podcast K44

Normativa

Sbloccati i lavori per la ferrovia tra porto di Ravenna e il Brennero

Collegare il porto e la darsena industriale di Ravenna con la ferrovia del Brennero. A dire il vero la cosa attualmente è già fattibile, ma richiede l’inversione di marcia e il conseguente cambio di trazione a Ferrara oltre a impegnare tutto il piazzale per le manovre. Questo progetto non è nuovo, i lavori che interessano tutto il nodo di Ferrara sono stati in parte già avviati ma, come si è visto in molte altre occasioni, hanno scontato ritardi e problemi vari (in questo caso anche difficoltà geologiche legate alle falde), con il risultato che dapprima sono stati rallentati per poi bloccarsi definitivamente.

Ad aprile 2020, la Regione Emilia-Romagna ha stanziato 5 milioni di euro per far ripartire i cantieri. L’intervento che coinvolge e riqualifica tutto il nodo ferrarese ha un valore complessivo di oltre 61 milioni di euro e prevede una durata dei lavori di tre anni. L’opera, il cui progetto esecutivo è in fase di verifica, potrebbe entrare nella fase operativa subito dopo la pausa estiva. In pratica, all’interno di un piano di lavori più complesso, verrà realizzata una bretella diretta tra la ferrovia Rimini-Ravenna-Ferrara delle Fs-Rfi e la Ferrara-Poggio Rusco-Suzzara in concessione a Fer, Ferrovie Emilia-Romagna, società in capo alla regione.

Il collegamento prevede una lunga tratta interrata in modo da sottopassare, senza interferenze, la linea Bologna-Padova che transita da Ferrara e ha nella città estense una delle sue stazioni principali. I treni merci provenienti dal porto di Ravenna che percorrono quindi la tratta finale della Rimini-Ferrara potranno percorrere il futuro collegamento diretto con la linea per Poggio Rusco, scalo ubicato sulla Bologna-Verona e quindi lungo l’itinerario del Brennero.

La Ferrara-Poggio Rusco, lunga circa 47 chilometri, negli Anni 80 del secolo scorso è stata ammodernata con rettifiche di tracciato ed elettrificata, riqualificandola e facendola diventare una vera e propria mediopadana merci alternativa alle direttrici principali su Bologna e Padova più cariche di traffico. L’intervento sul nodo di Ferrara gestito e realizzato da Fer, creando il nuovo itinerario diretto Ravenna-Poggio Rusco, valorizza il ruolo dell’hub romagnolo nei traffici merci con la Germania e con il centro Europa. Ma ha anche risvolti urbanistici per Ferrara in quanto con l’interramento della ferrovia attualmente in superficie con le linee per Ravenna e Codigoro elimina l’attuale barriera rappresentata dalla strada ferrata.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Pioggia di multe ai camion fermi di notte sull’A22

    Pioggia di multe ai camion fermi di notte sull’A22

    Nel secondo fine settimana di ottobre, la Polizia Stradale ha inflitto ventidue multe agli autisti di altrettanti veicoli industriali che si erano fermati per rispettare i tempi di riposo nelle piazzole di sosta dell’autostrada A22. Scoperti anche due autobus che trasportavano merci in conto terzi: multa di oltre seimila euro.

Logistica

  • Operativo lo hub di Dhl a Malpensa

    Operativo lo hub di Dhl a Malpensa

    Il nuovo hub di Dhl nell’aeroporto della Malpensa ha iniziato a lavorare, senza ancora un'inaugurazione ufficiale. Si estende su una superficie di 55mila metri quadrati e ha richiesto un investimento di 109 milioni di euro. Aumenterà anche il traffico degli aerei. Ma i sindacati di base protestano a Orio al …

Mare

  • DB Schenker scende dalle portacontainer di Maersk

    DB Schenker scende dalle portacontainer di Maersk

    Lo spedizioniere tedesco DB Schenker starebbe lasciando le portacontainer di Maersk perché considera la compagnia marittima danese più un concorrente che un fornitore di servizi, dopo che ha integrato Damco nella sua struttura. Potrebbe essere l'inizio di una tendenza.