Array ( [0] => 12 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Proposta per alternativa al ponte di Albiano Magra

L’8 aprile 2020 è crollato improvvisamente il ponte sul fiume Magra sulla Provinciale 70, che collegava i territori della Spezia con la Lunigiana. Negli ultimi anni la sua importanza era cresciuta, diventando un collegamento essenziale tra La Spezia e l’intera vallata del Magra, che comprende Aulla e i Comuni di Follo, Bolano, Calice al Cornoviglio, Vezzano Ligure, Santo Stefano Magra e Podenzana. Oltre a servire la popolazione locale, il ponte era usato anche per il trasporto in un bacino che comprende 900 aziende e il retroporto di Santo Stefano Magra. Perciò dopo il suo crollo si è mossa la locale Confindustria, che ha presentato alla ministra dei Trasporti, Paola De Micheli, un progetto di viabilità alternativa.

La proposta si fonda su tre elementi: velocità di esecuzione, contenuto costo di realizzazione, non coinvolgimento di proprietà private in un’opera che insisterebbe solo su proprietà pubbliche. La nuova opera temporanea sarebbe affidata alla Concesssionaria autostradale Salt. L'alternativa prevede di usare l'autostrada della Cisa per attraversare il fiume, costruendo due svincoli su entrambe le rive. 

Sul lato di Albiano Magra prevede la costruzione di una rampa di collegamento all’autostrada (corsia sud) in prossimità del cimitero di Albiano Magra, dove per eseguire il collegamento all’autostrada occorre realizzare una rampa lunga 180 metri che supera un dislivello di 6 metri con pendenza media del 3%.

Sul lato di di Santo Stefano Magra il progetto prevede il collegamento dell’area parcheggio Santo Stefano Ovest con la viabilità comunale di via Carducci. In questo punto, per eseguire il collegamento all’autostrada occorre realizzare un breve tratto di strada lunga 190 metri che supera un dislivello di circa 3,50 metri con pendenza media del 1,85%.

La proposta della Confindustria sarà valutata dal Tavolo aperto al ministero dei Trasporti e coordinato dal sottosegretario Roberto Traversi, che ha proprio lo scopo di attivare una viabilità alternativa lungo la Strada Statale 330, tra i comuni di Aulla e La Spezia. Al Tavolo partecipano tutte le istituzioni del territorio. Subito dopo il crollo, il ministero ha istituito una commissione ispettiva, presieduta dal direttore dell’Ansfisa, l’Agenzia nazionale per sicurezza delle ferrovie e delle infrastrutture stradali e autostradali, Fabio Croccolo. L’Anas deve fornire alla commissione l’intera documentazione sulla costruzione e la manutenzione del ponte.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Due camionisti scoperti con documenti falsi

    Due camionisti scoperti con documenti falsi

    Nel giro di pochi giorni la Polizia ha scoperto due autisti di veicoli industriali, a Brescia e a Novara, che viaggiavano con patenti e documento d’identità falsi. Un fenomeno di cui non si conoscono ancora i contorni, ma per pochi euro si può acquistare un documento online.

Logistica

  • Arriveranno in Europa i camion a idrogeno  Hyzon

    Arriveranno in Europa i camion a idrogeno Hyzon

    Con un tweet diffuso l’11 luglio, l'imprenditore olandese Max Holthausen ha annunciato la nascita della filiale europea del costruttore statunitensi di veicoli industriali elettrici alimentati a idrogeno Hyzon Motors. Produrrà camion a celle combustibili con cabina Daf.

Mare

  • La filiera del trasporto genovese punterà su Roma

    La filiera del trasporto genovese punterà su Roma

    Aumentano le adesioni al comitato Salviamo Genova e la Liguria, che riunisce le associazioni del trasporto merci che ruotano intorno allo scalo ligure e che il 22 luglio viaggeranno verso Roma per sollecitare soluzioni al caos viabilistico. Spediporto valuta danni per un miliardo di euro.