Array ( [0] => 26 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

L’Austria vuole conquistare il centro della rotaia


Mentre il Governo austriaco sta ponendo sempre più restrizioni al transito dei veicoli industriali tra Italia e Germania, ha avviato una strategia per portarsi al centro del trasporto ferroviario lungo i quattro punti cardinali, con l'ambizione di raggiungere la Cina. La prima mossa è ritrovare un accesso al mare, usando lo stesso porto dell'Impero asburgico, ossia Trieste. In occasione delle celebrazioni per i trecento anni del Porto franco della città adriatica, il presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Adriatico Orientale Zeno D'Agostino ha firmato il 18 marzo 2019 due importanti memorandum d'intesa: uno con le società che gestiscono le infrastrutture Öbb-Infra e Rete Ferroviaria Italiana, il secondo con la compagnia ferroviaria Rail Cargo Austria. Gli accordi servono indubbiamente al porto italiano per sviluppare i traffici con l'Europa, ma anche all'Austria per accedere più facilmente a un porto che intende diventare uno dei principali terminali della Belt and Road.
In una nota, L'Asp triestina spiega che "l'accordo siglato oggi a Trieste impegna le parti a condividere una comune strategia di sviluppo finalizzato all'ottimizzazione dei processi logistici, attraverso il potenziamento della rete e il conseguente incremento di capacità dei terminal di destinazione. Concretamente i memorandum condurranno i firmatari a valutare possibili ammodernamenti, nuove opere e la rimozione di eventuali colli di bottiglia, al fine di agevolare l'attività dei vettori ferroviari". Negli ultimi anni, il trasporto su rotaia da Trieste è notevolmente cresciuto verso i mercati austriaci, ungheresi, cechi e slovacchi e nel 2018 Rail Cargo Austria ha movimentato quasi tremila treni da e per il porto giuliano che, a sua volta, prevede di potenziare la stazione di Campo Marzio e riaprire quella di Aquilinia.
L'Austria vuole diventare anche un riferimento per i trasporti ferroviari verso la Cina e a tale scopo il ministro dei Trasporti ha firmato un memorandum d'intesa con gli omologhi di Russia e Slovacchia per costruire una tratta ferroviaria dedicata alle merci tra Vienna e la città slovacca di Kosice con lo scartamento russo di 1520 mm, permettendo quindi ai convogli di arrivare senza interruzioni sino al confine cinese, portando il tempo di viaggio a quindici giorni. La ferrovia richiederà un investimento di 6,4 miliardi di euro e otto anni di lavori.
Nell'ambito dello sviluppo del trasporto merci internazionale, la ferrovia austriaca sta anche ammodernando e potenziando il parco rotabile e a marzo 2019 ha firmato un ordine con Siemens Mobility per acquistare 61 locomotori elettrici Vectron MS destinati a Rail Cargo. Queste macchine hanno potenza di 6-4 MW, che permette una velocità massima di 160 km/h, e montano il sistema di sicurezza europeo Etcs. I primi esemplari saranno consegnato a marzo 2020.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

  • Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee

    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee

    Il progetto ADRIPASS ha lo scopo di migliorare l’accessibilità delle reti di trasporto europee con connessioni più efficienti dai porti dell’Adriatico all’entroterra e riducendo i tempi di attese alle frontiere dei Balcani. Ne parla una conferenza online il 2 dicembre.

Videocast K44

Autotrasporto

Logistica

Mare

  • Due gru ferroviarie al PSA Pra’

    Due gru ferroviarie al PSA Pra’

    Il terminal container PSA Pra’ del porto di Genova ha messo in servizio due gru di ferrovia, che hanno richiesto un investimento di sette milioni di euro. Contribuiscono ad aumentare il trasporto su rotaia dei contenitori.