Array ( [0] => 26 )

Primo piano

  • Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Le rilevazioni della Iata sul trasporto aereo delle merci del 2019 mostrano che è stato il peggiore anno dal 2009, quando scoppiò la crisi macroeconomica da cui il settore è emerso lentamente. Un’eventuale ripresa quest’anno potrebbe essere ostacolata dall’epidemia di coronavirus.

Podcast K44

Normativa

La Svizzera taglierà tariffe per treni merci


Rendere più competitivo il trasporto ferroviario, riducendo il costo pagato dalle imprese ferroviarie per accedere alla rete. E' quanto prevede la Svizzera. che ha avviato l'iter per ridurre il costo delle tracce, la cui decisione finale spetterà comunque al Consiglio federale, l'organo esecutivo del governo e quindi la più alta autorità del Paese. Le nuove tariffe richieste a tutte le imprese ferroviarie, comprese ovviamente le ferrovie federali SBB-FFS, dovrebbero entrare in vigore nel 2021, poco dopo quindi il completamento del progetto AlpTransit con l'apertura del tunnel di base del Ceneri di quindici chilometri, che avverrà in occasione dell'orario invernale nel dicembre 2020.
Ma anche dopo la revisione prezzi, il transito lungo il nuovo asse ferroviario transalpino resterà comunque il più costoso di tutta la Svizzera per recuperare gli ingenti investimenti (circa venti miliardi di euro senza nessun contributo dell'Unione Europea) e i costi di gestione e manutenzione dei lunghi tunnel. Oltre ovviamente per riconoscere una remunerazione al fattore tempo vista la drastica riduzione degli orari di percorrenza. Utilizzare l'asse AlpTransit (costituito dal doppio itinerario del Ceneri-San Gottardo e del Lötschberg) dovrebbe costare intorno ai 2,2 euro per t/km contro un euro nel resto della rete svizzera. Il Dipartimento federale dei trasporti calcola una riduzione di costi, a beneficio delle imprese ferroviarie e quindi di tutta la clientela, di quasi 80 milioni di euro l'anno, dei quali tra i 18 ai 26 milioni a favore del traffico merci.
Questa decisione non deve sorprendere perché è legata alla riduzione dei costi della rete grazie a un aumento dell'efficienza nella gestione e alla progressiva automazione degli apparati centrali. I treni che circolano su una qualunque rete ferroviaria devono infatti coprire i costi marginali, non garantire un guadagno speculativo per il gestore della rete. E' quanto avvenne, per esempio, nel 2014 in Italia, quando fece scalpore (e quasi scandalo per i meno informati) la riduzione delle tracce orarie del 37% per i treni che percorrevano la rete ad alta velocità, iniziativa vista come "regalo" per le imprese, ma giustificata invece solo dall'ottimizzazione dei costi.
Il Dipartimento dei trasporti svizzero ripone molte speranze in questa decisione, soprattutto per il traffico merci e la conseguente politica di trasferimento dalla modalità stradale a quella ferroviaria. Verrà inoltre mantenuto ancora per altri quattro anni il bonus "insonorizzazione" che premia il transito dei treni merci meno rumorosi in quanto, a differenza della Svizzera, l'Unione Europea introdurrà il divieto di utilizzo dei carri non silenziati oltre il 2020, data prevista invece dalla Confederazione elvetica per il materiale nazionale.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Falso allarme sull’aumento delle accise gasolio per camion

    Falso allarme sull’aumento delle accise gasolio per camion

    I giornali di agosto hanno lanciato l'allarme sull’aumento delle accise sul gasolio e Conftrasporto minaccia il fermo dell’autotrasporto. Ma per ora è solo un’ipotesi di lavoro del ministero dell’Ambiente, che comunque escluderebbe i veicoli industriali.

Logistica

Mare

  • Collaborazione tra i porti di Venezia e Amburgo

    Collaborazione tra i porti di Venezia e Amburgo

    L’ Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale ha avviato una collaborazione con alcuni enti italiani e tedeschi per sviluppare tecnologie terminalistiche e doganali col porto di Amburgo.