Array ( [0] => 26 [1] => 12 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    La ferrovia del Brennero rischia di inciampare sul Pnrr

    Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è un’opportunità da cogliere al volo oppure può rivelarsi una palla al piede e quindi trasformarsi in un’illusione? Questa domanda se la pongono in questo momento amministratori e operatori economici di Trento. Al centro del dibattito e dell’attenzione c’è la circonvallazione ferroviaria di Trento-Rovereto, prevista pressoché esclusivamente a servizio dei treni merci, parte integrante della linea di accesso al tunnel di base lungo il corridoio del Brennero e opera inserita tra quelle espressamente citate dal Pnrr.

    Per il Trentino, quindi, il Piano potrebbe essere salutato con soddisfazione, anzi con una punta d’orgoglio, in quanto delle tre varianti prioritarie della Verona-Brennero, previste e non ancora finanziate, il Pnrr contempla solo quella del capoluogo trentino, mentre non spende una parola per quelle di Bolzano e di Verona (la quarta, la Fortezza-Ponte Gardena è ormai appaltata). Oltretutto il Piano non prevede nessun altro intervento sui valichi ferroviari alpini (scelta contestata da più parti) e di fatto quindi fa quasi un’eccezione solo a favore di Trento.

    Gli investimenti che riguardano il capoluogo trentino in realtà si dividono in due parti, la circonvallazione ferroviaria e l’interramento della linea esistente in ambito cittadino. Solo il primo intervento è strettamente connesso con il corridoio del Brennero e inserito nel Pnrr, mentre l’altro rientra nelle scelte di riqualificazione urbanistica. Dove sta dunque il contendere? Sui tempi di realizzazione e sulla loro compatibilità con il Pnrr.

    Il regolamento del Recovery Plan finanzia con fondi europei opere che dovranno essere terminate entro il giugno 2026, in caso contrario si rischia anche la restituzione dei fondi stanziati. Partiamo dalla considerazione che la circonvallazione di Trento-Rovereto si trova nella fase di progetto preliminare e si prevede di completare le attività di revisione progettuale secondo un accordo tra Rfi ed enti locali entro l’estate 2021. Anche nell’ipotesi che all’opera sovrintenda un commissario straordinario con poteri in deroga e quindi con tempi di approvazione ridotti, difficilmente si può arrivare alla fase operativa, quindi ai cantieri, prima del 2023.

    Il progetto contempla lo scavo di una trentina di km di gallerie a doppia canna, anche se è possibile realizzare l’opera per fasi. Sono sufficienti tre anni per concludere i lavori? La risposta, ragionevolmente, non può essere affermativa. E lo si legge anche in un cronoprogramma indicato in tempi non sospetti dall’assessorato competente del comune di Trento dove si ipotizzava che la circonvallazione potrebbe essere completata non prima del 2030/2031.

    Viste le norme attuali, si tratta di tempi assolutamente incompatibili con il Pnrr e quindi c’è da chiedersi se lo strumento del Recovery Plan sia adatto per la realizzazione di un’opera di questa portata, essenziale per potenziare il corridoio ferroviario del Brennero.

    Se lo sono chiesti anche amministratori e operatori economici a Trento, esprimendo giudizi preoccupati, a tal punto che l’assessore comunale alla Transizione ecologica Ezio Facchin è dovuto intervenire con una nota ospitata il 30 giugno 2021 dal Corriere del Trentino. L’assessore, ex dirigente tecnico di alto livello del gruppo Fs e fino al 2010 amministratore di Bbt, la società europea incaricata della realizzazione del tunnel di base del Brennero, ammette che si tratta di una sfida coraggiosa e cita come modello virtuoso la ricostruzione del ponte di Genova. Peccato che quelle condizioni, eccezionali da tutti i punti di vista, non sono replicabili sotto il Buonconsiglio.

    Piermario Curti Sacchi

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

      bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

     

     

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

     

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast, come l’idrogeno muoverà il camion

    K44 podcast, come l’idrogeno muoverà il camion

    Come saranno i camion che trasporteranno le merci nei prossimi anni? Una risposta univoca è difficile, ma tra le possibilità sta emergendo la trazione elettrica alimentata a idrogeno. Ne parliamo in questo episodio del podcast K44 con Luigi Serafini, Special Project Manager di Mercedes-Benz Trucks Italia.
K44 podcast, come l’idrogeno muoverà il camion

TECNICA

K44 podcast, come l’idrogeno muoverà il camion
Parte la produzione del Nikola Tre in Germania

TECNICA

Parte la produzione del Nikola Tre in Germania
L’Iveco autonoma risorgerà nel 2022

TECNICA

L’Iveco autonoma risorgerà nel 2022
Cresce la famiglia di locomotive più potenti per merci

TECNICA

Cresce la famiglia di locomotive più potenti per merci
Maxi carri ferroviari per i container tra Europa e Cina

TECNICA

Maxi carri ferroviari per i container tra Europa e Cina
previous arrow
next arrow
K44 podcast, come l’idrogeno muoverà il camion

LOGISTICA

K44 podcast, come l’idrogeno muoverà il camion
Torello aumenta la logistica a Bologna

LOGISTICA

Torello aumenta la logistica a Bologna
Come cambiano le professioni della logistica

LOGISTICA

Come cambiano le professioni della logistica
Parte la produzione del Nikola Tre in Germania

LOGISTICA

Parte la produzione del Nikola Tre in Germania
Primo accordo sindacale nazionale per Amazon

LOGISTICA

Primo accordo sindacale nazionale per Amazon
previous arrow
next arrow
Londra rinvia alcuni controlli doganali al 2022

BREXIT

Londra rinvia alcuni controlli doganali al 2022
Aumentano le retribuzioni dei camionisti britannici

BREXIT

Aumentano le retribuzioni dei camionisti britannici
In Gran Bretagna sovrapprezzi per carenza di autisti

BREXIT

In Gran Bretagna sovrapprezzi per carenza di autisti
Distributori a secco in GB per mancanza di autisti

BREXIT

Distributori a secco in GB per mancanza di autisti
Da ottobre passaporto per camionisti diretti in GB

BREXIT

Da ottobre passaporto per camionisti diretti in GB
previous arrow
next arrow
La ferrovia del Frejus compie 150 anni e li dimostra

CAMIONSFERA

La ferrovia del Frejus compie 150 anni e li dimostra
Novità del Decreto Infrastrutture per le Cqc estere

CAMIONSFERA

Novità del Decreto Infrastrutture per le Cqc estere
L’Iveco autonoma risorgerà nel 2022

CAMIONSFERA

L’Iveco autonoma risorgerà nel 2022
K44 videocast – carenza autisti, confronto tra GB e Italia

CAMIONSFERA

K44 videocast – carenza autisti, confronto tra GB e Italia
Torneranno in cantiere 300 lavoratori del Terzo Valico

CAMIONSFERA

Torneranno in cantiere 300 lavoratori del Terzo Valico
Mecar perde il suo amministratore delegato Gianandrea Ferrajoli

CAMIONSFERA

Mecar perde il suo amministratore delegato Gianandrea Ferrajoli
Podcast K44, i primi 125 anni del camion

CAMIONSFERA

Podcast K44, i primi 125 anni del camion
Patenti superiori gratis per disoccupati in Campania

CAMIONSFERA

Patenti superiori gratis per disoccupati in Campania
Londra semplificherà gli esami per la patente camion

CAMIONSFERA

Londra semplificherà gli esami per la patente camion
Ferrovia Parma-Suzzara si rinnova guardando al Brennero

CAMIONSFERA

Ferrovia Parma-Suzzara si rinnova guardando al Brennero
L’Europa richiama l’Italia per i ritardi della Torino-Lione

CAMIONSFERA

L’Europa richiama l’Italia per i ritardi della Torino-Lione
Camionista evita rapina con incendio sull’autostrada A16

CAMIONSFERA

Camionista evita rapina con incendio sull’autostrada A16
Supermulta da 18mila euro per guida senza carta tachigrafica

CAMIONSFERA

Supermulta da 18mila euro per guida senza carta tachigrafica
Austria rilancia sulla patente camion a 17 anni

CAMIONSFERA

Austria rilancia sulla patente camion a 17 anni
Tempi stretti e controversie, a rischio la nuova ferrovia a Trento

CAMIONSFERA

Tempi stretti e controversie, a rischio la nuova ferrovia a Trento
previous arrow
next arrow