Array ( [0] => 9 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Tre autotrasportatori indagati per reati cronotachigrafo


È stato un lavoro d'indagine lungo e sistematico, condotto per ben tre anni dalla Polizia Stradale di Piacenza, che ha portato il procuratore di Piacenza, Roberto Fontana, a ricostruire un quadro preoccupante, dove quattro aziende di autotrasporto (di cui gli inquirenti non precisano il nome) riconducibili agli stessi tre titolari hanno costretto gli autisti non solo a superare i tempi di guida senza rispettare quelli di riposo, ma anche a manomettere i cronotachigrafi con una calamita e persino a disinserire il limitatore di velocità. Lo scopo era viaggiare il più possibile e secondo gli inquirenti gli autisti guidavano fino a diciassette ore senza rispettare il riposo di Legge, anche fino alla velocità di 110 km/h.
L'indagine è iniziata con le denunce, avvenute in tempi diversi, presentate da quattro autisti delle aziende coinvolte, che hanno dichiarato di avere subito minacce di non ricevere lo stipendio o addirittura di essere licenziati se non attuavano questa attività illegali. "Queste violazioni sono state imposte ai dipendenti, quasi tutti immigrati dall'Est o dal Marocco facendo leva su una oggettiva condizione economica", spiega il procuratore Fontana.
I viaggi incriminati avvenivano soprattutto tra Piacenza e La Spezia e tra Piacenza e Genova, il che fa pensare che le aziende operino nel trasporto di container. Gli inquirenti ritengono che questo sistema sia stato sistematicamente applicato, causando anche concorrenza sleale nei confronti delle altre aziende di autotrasporto perché permetteva di chiedere ai committenti tariffe più basse.
Dopo le denunce, gli agenti della Polstrada hanno cercato riscontri inserendo dei rilevatori Gps sui veicoli industriali delle aziende, così da poter controllare a distanza itinerari, chilometraggi e tempi di guida, che non corrispondevano a quelli segnati sui cronotachigrafi. Al termine dell'inchiesta, la Procura ha denunciato i tre titolari delle aziende per estorsione e rimozione od omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

  • Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio

    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio

    A due anni dalla sua introduzione in Italia, il servizio di trasporto espresso di pallet Astre Plus si espande anche all’estero. Il direttore Davide Napolitano spiega le caratteristiche che lo distinguono dai servizi tradizionali e i vantaggi per affiliati e clienti.

Videocast K44

Autotrasporto

  • Austria inasprisce divieti notturni per autotrasporto

    Austria inasprisce divieti notturni per autotrasporto

    Il Governo dei Tirolo austriaco ha emanato un’ordinanza che esclude il veicoli industriali a gas naturale dall’esenzione del divieto di circolazione notturno, per il quale introduce l’eccezione per il traffico di origine e destinazione.

Logistica

Mare

  • Porti liguri puntano sulla Svizzera dal 2024

    Porti liguri puntano sulla Svizzera dal 2024

    La connessione ferroviaria tra i porti di Genova e Savona e la Svizzera è stata la centro della terza edizione di “Un mare di Svizzera”. L’anno di svolta sarà il 2024 e PSA annuncia una filiale nella Confederazione Elvetica.