Array ( [0] => 9 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Ilva di Taranto ancora in bilico


Una parte consistente dell'autotrasporto italiano rischia di chiudere o comunque di rimanere ridimensionato se ArcelorMittal attuerà l'intenzione comunicata oggi ai commissari dell'Ilva di rescindere l'accordo di affitto con acquisizione degli impianti dell'azienda italiana, lasciandola così nella totale incertezza sul suo futuro. In una nota, la compagnia indiana ha "chiesto ai commissari straordinari di assumersi la responsabilità delle attività di Ilva e dei dipendenti entro trenta giorni dal ricevimento della comunicazione". L'accordo venne firmato da ArcelorMittal il 31 ottobre 2018 e permette alla società indiana la rescissione. Le cause del ritiro sono il mancato esonero degli attuali dirigenti dai provvedimenti legali connessi alle indagini sull'inquinamento ambientale prodotto dallo stabilimento di Taranto e altri "gravi eventi indipendenti dalla volontà di ArcelorMittal". Tali fattori, prosegue la nota "hanno contribuito a causare una situazione di incertezza giuridica e operativa che ne ha ulteriormente e significativamente compromesso la capacità di effettuare necessari interventi presso Ilva e di gestire lo stabilimento di Taranto".
L'accordo prevede un periodo di affitto di diciotto mesi dal 1° novembre 2018 durante il quale ArcelorMittal s'impegna a investire 1,1 miliardi di euro in risanamenti ambientali e 1,2 miliardi per la ristrutturazione dell'impianto. Al termine dell'affitto, la società indiana avrebbe dovuto acquisire gli asset dell'Ilva per 1,8 miliardi (da cui detrarre i canoni dell'affitto). La società siderurgica italiana occupa 10.700 persone, di cui 8200 a Taranto e di queste 1276 sono in cassa integrazione ordinaria per tredici settimane. Altrettanto importante è l'impatto dell'Ilva sull'indotto, tra cui spicca l'autotrasporto che deve ancora riprendersi dalle gravi conseguenze dell'insolvenza lasciata dalla precedente proprietà.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    Questo episodio di K44 La voce del trasporto spiega che cosa si deve fare, che cosa non si deve fare e che cosa è consigliato fare nel caso un veicolo industriale sia coinvolto in un incidente di qualsiasi tipo.

Logistica

  • Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    La Guardia di Finanza di Parma ha sequestrato undici milioni di euro a due cooperative del Gruppo Taddei che operano nella logistica per evasione fiscale. Occupano quasi un migliaia di persone, tra soci e dipendenti.

Mare

  • Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Alla Camera è in corso la discussione su un emendamento al Decreto Rilancio che stabilisce con chiarezza l’impossibilità dell'autoproduzione nelle operazioni di rizzaggio e derizzaggio dei traghetti. E si scalda lo scontro tra armatori e sindacati.