Array ( [0] => 31 )

Primo piano

  • Iru chiede riduzione dell’età per patenti superiori

    Iru chiede riduzione dell’età per patenti superiori

    Per affrontare la carenza di autisti, l’organizzazione mondiale dell’autotrasporto Iru chiede ai Governi di abbassare l’età per ottenere le patenti e le certificazioni per autista di veicoli industriali a diciotto anni.

Podcast K44

Normativa

Spedizioniere danese versa 45mila euro a camionisti filippini


Il giornale tedesco Soester-Anzeiger riporta una vicenda che ruota intorno a otto camionisti provenienti dalle Filippine che lavoravano per la società danese Kurt Beier, che a sua volta svolgeva servizi di autotrasporto per lo spedizioniere Nordic Transport Group. La vicenda è iniziata nel novembre 2018, quando il sindacato danese 3F annunciò di avere scoperto ventidue camionisti filippini e quattro dello Sri Lanka che vivevano in condizioni "spartane" nei fine settimana in container situati nella città danese di Padborg, vicino al confine con la Germania. Il sindacato affermò che questi immigrati erano stati assoldati dalla società di autotrasporto polacca HBT International Transport, controllata dalla danese Kurt Beier Transport, usando un regolare permesso di soggiorno polacco. Secondo il sindacato, questi autisti erano pagati 8000 corone al mese (1072 euro) e lavoravano in sub-appalto per società della Danimarca, attuando così un dumping sociale. Le condizioni di vita a Podborg furono anche oggetto di un intervento dell'allora Commissaria danese alla Concorrenza, Margrethe Vestager.
Il 30 settembre, il giornale tedesco Soester-Anzeiger ha scritto che Nordic Transport Group ha pagato 45mila euro a otto autisti filippini precedentemente impiegati da Kurt Beier Transport, che avevano avanzato rivendicazioni salariali verso il loro datore di lavoro. Gli otto camionisti filippini erano rappresentati dalla confederazione sindacale tedesca Dgb, che avanzato una rivendicazione salariale non solo verso la Kurt Beier Transport, ma anche verso il suo committente Nordic Transport Group, ritenendola corresponsabile. Gli avvocati della Ntg hanno precisato al giornale che il versamento del denaro è stato deciso volontariamente dalla Ntg "esclusivamente per motivi umanitari e sociali" e non rappresenta quindi alcun risarcimento o ammissione di corresponsabilità. I legali aggiungono che il loro cliente aveva fatto firmare a Kurt Beier Transport la dichiarazione di rispettare le norme sul lavoro e sul salario minimo. Dopo la scoperta delle condizioni di lavoro e di vita dei filippini, la Ntg ha rescisso in contratto con la Beier.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

  • Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee

    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee

    Il progetto ADRIPASS ha lo scopo di migliorare l’accessibilità delle reti di trasporto europee con connessioni più efficienti dai porti dell’Adriatico all’entroterra e riducendo i tempi di attese alle frontiere dei Balcani. Ne parla una conferenza online il 2 dicembre.

Videocast K44

Autotrasporto

  • Tornano  costi minimi dell’autotrasporto

    Tornano costi minimi dell’autotrasporto

    Il 27 novembre 2020 il ministero dei Trasporti ha annunciato la pubblicazione del Decreto sui “costi indicativi di riferimento dell’attività di autotrasporto merci”.

Logistica

Mare

  • Porti liguri puntano sulla Svizzera dal 2024

    Porti liguri puntano sulla Svizzera dal 2024

    La connessione ferroviaria tra i porti di Genova e Savona e la Svizzera è stata la centro della terza edizione di “Un mare di Svizzera”. L’anno di svolta sarà il 2024 e PSA annuncia una filiale nella Confederazione Elvetica.