Array ( [0] => 31 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Inchiesta su Cqc facili ad Ancona


La Procura di Ancona ha aperto un fascicolo contro un'autoscuola accusata di avare rilasciato almeno ventidue Carte di qualificazione dell'autista senza che i candidati abbiamo frequentato il corso, obbligatorio per Legge. Ciò avveniva falsificando gli attestati di frequenza dei camionisti, certificando così la loro presenza al corso mentre non c'erano e quindi permettendo loro di accedere all'esame presso la Motorizzazione Civile. L'inchiesta è stata avviata dalla Polizia Stradale delle Marche, in collaborazione con la Motorizzazione e la Provincia. Al termine dell'indagine, sono state revocate ventidue Carte di qualificazione e la Procura ha iscritto sul registro degli indagati quindici iscritti ai corsi e il titolare dell'autoscuola, con l'accusa di falso. Questa indagine fa parte di un'operazione più ampia contro le frode nel conseguimento della Cqc nell'autotrasporto delle merci, quindi sono possibili ulteriori evoluzioni.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Dimissioni dei vertici camion dell’Unrae

    Dimissioni dei vertici camion dell’Unrae

    Annunciate le dimissioni improvvide del presidente della Sezione Veicoli Industriali, Franco Fenoglio, e di quello della Sezione Rimorchi dell'associazione dei costruttori di veicoli esteri Unrae.

Logistica

  • Le proposte di Fedespedi per il Recovery Fund

    Le proposte di Fedespedi per il Recovery Fund

    L'associazione degli spedizionieri Fedespedi indica le priorità per il trasporto delle merci e la logistica da inserire nel programma di spesa che il Governo italiano dovrà presentare all'UE per ottenere le risorse del Recovery Fund. Tre temi: digitalizzazione, connettività e sostenibilità.

Mare