Array ( [0] => 11 )

Primo piano

  • Primi treni merci per la nuova impresa Evm Rail

    Primi treni merci per la nuova impresa Evm Rail

    Dopo la fase di certificazione e formazione del personale, è diventata operativa la nuova compagnia italiana di trasporto ferroviario delle merci Evm Rail, che opera anche in ambito internazionale.

Podcast K44

Normativa

Schenker chiede maxi risarcimento per cartello aereo


Dopo le maxi multe accumulate in Europa e Stati Uniti, ore le compagnie di cargo aereo coinvolte nel cartello sui surcharge del carburante, attuato tra il 1999 e il 2006, potrebbero pagare risarcimenti ai loro clienti di allora ancora più salati. E l'ipotesi non è certo remota, perché si sta muovendo concretamente il colloso tedesco DB Schenker, appartenente al Gruppo Deutsche Bahn. Oggi, la società ha confermato di avere presentato una richiesta di risarcimento di due miliardi e mezzo di dollari per i danni causati dal cartello: 370 milioni negli Stati Uniti e 2,19 miliardi in Germania. Una cifra, precisa la società, che "comprende gli interessi". Non solo: se il Tribunale statunitense lo riterrà, potrà aumentare il risarcimento a 1,1 miliardi di dollari, portando così la cifra complessiva a 3,3 miliardi.
La causa è già stata avviata da Schenker lo scorso agosto negli Stati Uniti, dinanzi al Tribunale di New York, contro Air France, KLM, Martinair, Cargolux, Qantas, SAS e All Nippon Airways. In Germania, la pratica è stata avviata al Tribunale di Colonia nel dicembre 2013 contro Deutsche Lufthansa, British Airways, Singapore Airlines, Swiss Airlines, Cargolux, SAS, Air Canada, Cathay Pacific, Japan Airlines, LAN Airlines e Qantas.
L'indagine sul cartello iniziò nel febbraio 2006, quando il Dipartimento di Giustizia del Stati Uniti attuò una serie di perquisizioni negli uffici di diverse compagnie, sequestrando un'enorme mole di documenti. Pochi giorni dopo si mosse anche la Commissione Europea e nel dicembre 2007 venne formalizzata l'indagine. La prima sentenza di condanna giunse negli Stati Uniti nel giugno 2008 contro Lufthansa, Virgin Atlantic, British Airways e Korean Air. Nel novembre 2010 arrivò quella dell'Antitrust europea contro ben undici compagnie, che elevò una sanzione complessiva di 800 milioni di euro.
Le indagini hanno appurato che nel dicembre 1999 le compagnie incriminate e condannate avviarono alcuni incontri segreti per fissare le tariffe di alcuni componenti del nolo aereo, tra cui il sovrapprezzo per il carburante. Nel maggio successivo alcune compagnie del cartello s'incontrarono, sempre in maniera riservata, negli uffici di Toronto di Lufthansa Cargo per scambiarsi informazioni sensibili e verificare l'andamento del cartello. Questi incontri proseguirono nei sei anni successivi. Dall'11 settembre 2001, gli accordi tariffari coinvolsero anche il sovrapprezzo sulla sicurezza che venne istituito per compensare i maggiori costi dei controlli anti-terrorismo.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Spagna sospende divieti circolazione camion

    Spagna sospende divieti circolazione camion

    Per affrontare l’emergenza della pandemia Covid-19, il Governo spagnolo ha sospeso fino al 9 novembre 2020 i divieti di circolazione festivi per i veicoli industriali. Le associazioni italiane chiedono un provvedimento analogo.

Logistica

  • Commissione Europea vuole lo Sportello unico per le merci

    Commissione Europea vuole lo Sportello unico per le merci

    La Commissione Europea propone uno Sportello unico per sdoganare le merci in ingresso nell’Unione e scambiare le informazioni in modo digitale. Fa parte di un programma decennale per riformare i controlli alle frontiere comunitarie.

Mare

  • Il Decreto Semplificazioni cambia le regole nei porti

    Il Decreto Semplificazioni cambia le regole nei porti

    Il Decreto Semplificazioni interviene anche nel governo dei porti e secondo Francesco Munari, avvocato e docente universitario, è uno strumento ancora più importante del cosiddetto "modello Genova”. Ecco perché.