TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

TrasportoUnito denuncia alta morosità in Albo Autotrasporto

E-mail Stampa PDF

Il 18 febbraio 2019, l'associazione degli autotrasportatori afferma che quasi la metà degli iscritti all'Albo degli autotrasportatori non ha pagato la quota relativa al 2019, considerandolo un "silenzioso segnale d'allarme".


Forbice taglia euro Fotolia 193807051 XSA metà di febbraio 2019, circa 55mila imprese di autotrasporto iscritte all'Albo Nazionali degli Autotrasportatori non hanno pagato la quota relativa al 2019, i cui termini sono scaduti il 31 dicembre 2018. Lo afferma l'associazione TrasportoUnito, aggiungendo che questa non è una "distrazione di massa", bensì "un silenzioso segnale di allarme". Il numero indicato dall'associazione rappresenta circa la metà degli iscirtti al conto terzi e il segretario generale dell'associazione, Maurizio Longo, commenta che questo è il segnale "di una categoria ormai sfiduciata e rassegnata a vivere alla giornata, priva come è di strumenti normativi di tutela di cui avrebbe bisogno, sia sul versante delle garanzie di pagamento e di credito nei confronti della committenza, sia su quello propriamente contrattuale". Questo caso, aggiunge Longo, dovrebbe fornire un'allerta sul futuro: "Oggi le aziende hanno a che fare con finte regole di mercato che puntualmente non vengono rispettate sulla base di un potere contrattuale che si trasforma quotidianamente, sulle strade italiane, in ricatto".
Il segretario di TrasportoUnito conclude il suo commento elencando i principali problemi degli autotrasportatori: "Debolezza finanziaria, contratti capestro, condizioni di pagamento al di fuori di qualsiasi schema e tempistica accettabile sono fra le cause di un degrado che inevitabilmente diventerà il problema dei problemi per un Paese che dovrebbe reggersi su un trasporto affidabile e che invece si prepara a pagare un prezzo altissimo sui fronti della competitività del suo sistema economico e industriale e su quello, ancora più critico, di una sicurezza che imprese allo stremo delle loro forze, non sono più in grado di garantire".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1289

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed