TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Fercam replica ai sindacati sulla vertenza aziendale

E-mail Stampa PDF

Dopo la conferma dello stato di agitazione degli autisti e la minaccia di sciopero, l'azienda di autotrasporto e logistica altoatesina risponde alle accuse lanciate dalle tre sigle confederali.


Fercam camion Actros piazzaleIl 6 dicembre 2019 le sigle Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti hanno diffuso una dura nota sulla vertenza relativa al rinnovo del contratto di forfettizzazione degli autisti Fercam, accusando l'azienda altoatesina di applicare "in maniera impropria" il contratto nazionale e di utilizzare autisti stranieri tramite somministrazione internazionale. Al termine della comunicazione, i sindacati confermano lo stato di agitazione e preannunciano eventuali scioperi. Interpellata da TrasportoEuropa, il 10 dicembre la Fercam ha risposto con una nota scritta, che riportiamo integralmente.
"Fercam fa presente che è molto interessata a proficue e buone relazioni sindacali e per questo volentieri ha accettato l'invito delle segreterie nazionali delle organizzazioni sindacali a Roma il 5 dicembre per un raffronto a livello nazionale. Fercam rispetta in tutte le parti il Ccnl in vigore e per la maggior parte remunera i propri collaboratori ben oltre i livelli del contratto collettivo nazionale. Anche l'art 42 del contratto collettivo viene rispettato in tutte le sedi italiane. Per quanto riguarda la questione per gli autisti della sede di Bolzano, Fercam fa presente che da tempo ha proposto un contratto aziendale di secondo livello migliorativo rispetto a quanto previsto dal contratto collettivo nazionale, ma nonostante l'accordo a livello locale e richiesta di sottoscrizione da parte dei singoli lavoratori, a livello nazionale l'accordo non viene accettato. Fercam è disponibile e pronta alla firma del contratto integrativo di secondo livello che migliorerebbe di molto la remunerazione degli autisti. Ovviamente Fercam per rimanere competitiva a livello internazionale deve poter organizzare la propria struttura europea in un contesto internazionale con strutture operative anche nei paesi dell'Est Europa, ma sempre nell'ambito delle normative nazionali ed europee, specificando che non esiste il cabotaggio internazionale lamentato dalle organizzazioni sindacali, essendo il trasporto internazionale di fatto liberalizzato e quindi non sottoposto a regole nazionali italiane".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1908

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca