TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Processo per il Truck Center

E-mail Stampa PDF
Prima udienza per il grave incidente sul lavoro che nel 2008 causò a Molfetta cinque morti. Alla sbarra quattro persone e tre società, tra cui una di FS.
Il processo sui fatti del Truck Center si è aperto con una polemica dei difensori verso la procura di Trani, che secondo i legali non avrebbe individuato tutti i responsabili dell'incidente che provocò a Molfetta la morte di cinque persone in un tank container. Si parla addirittura di un nuovo esposto per portare sul banco degli imputati altri soggetti. Per ora, sono state rinviate a giudizio quattro persone: Mario Castaldo e Alessandro Buonopane, dirigenti di Fs Logistica Cargo Chemical, l'impresa proprietaria del container e che ne curava anche il trasporto; Pasquale Campanile, dirigente della società La 5 Biotrans, incaricata della bonifica; Filippo Abbinante, autista della stessa impresa. Tra gli imputati ci sono anche tre società: Truck Center, Fs Logistica Cargo Chemical e La 5 Biotrans, citate come responsabili civili. Ricordiamo che il titolare della Truck Center, dove è avvenuto il fatto il 3 marzo 2008, è una delle vittime.

La ricostruzione - La pubblica accusa ha contestato diversi reati: omicidio colposo plurimo, lesioni colpose e violazione della normativa sulla sicurezza sul lavoro. Secondo la ricostruzione del PM, il decesso fu causato da acido solfidrico, che uccise il primo lavoratore e poi gli altri che andarono in soccorso senza la dotazione di sicurezza. Il tank container fece il suo ultimo viaggio il 19 dicembre 2007, partendo dall'Eni di Taranto pieno di zolfo fuso acquistato dalla Nuova Solmine di Scarlino (Grosseto). Secondo gli atti del processo, in tale occasione la Fs Cargo Chemical, di concerto con la Nuova Solmine, decise di convertire il tank container al trasporto di acido solforico, disponendone il lavaggio per eliminare dall'interno i residui di zolfo solido. L'incarico fu assegnato alla 5 Biotrans, che lo subappaltò alla Truck Center. Nella prima udienza, il giudice ha stabilito un serrato calendario delle udienze, col fine di giungere ad un verdetto in pochi mesi. Ci saranno due udienze la settimana e non saranno concessi rinvii.
 
Letture:: 2678

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca