Array ( [0] => 32 )

Primo piano

  • Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    A meno di due mesi dall’uscita ufficiale del regno Unito dall’Unione Europea e alla vigilia dei negoziati per gli accordi in diversi settori, tra cui il trasporto, Londra minaccia che di ridurre la fase transitoria di sei mesi se nelle prossime settimane non avverranno “buoni progressi”.

Podcast K44

Normativa

Uiltrasporti ribadisce opposizione a sospensione tempi di guida

La mattina del 23 marzo 2020, la ministra dei Trasporti Paola De Micheli ha annunciato a Radio24 che entro breve tempo firmerà il Decreto che apporterà delle deroghe ai tempi di guida e di riposo degli autisti dei veicoli industriali, accogliendo così la richiesta dell’unione dell'autotrasporto Unatras. Come ormai è consuetudine, il Governo annuncia provvedimenti importanti prima di renderli operativi, creando così tensioni e questo caso non fa eccezione, perché i sindacati confederali hanno dichiarato la loro opposizione a questa deroga fin da quando era stata anticipata dalla stessa ministra dei Trasporti.

Dopo l’annuncio di oggi, il Segretario generale, Claudio Tarlazzi, e il segretario nazionale, Marco Odone, della Uiltrasporti hanno ribadito l'opposizione al provvedimento: “Pur comprendendo le disfunzioni che si stanno generando per i tempi di attesa più lunghi, siamo in assoluto disaccordo con eventuali provvedimenti di sblocco dei tempi di lavoro degli autotrasportatori, che porterebbe oltre gli orari di lavoro, che in base alle deroghe previste nel Ccnl, già arrivano 61 ore, cioè a quanto stanno concedendo gli altri Paesi europei per l’emergenza Covid-19”. I due sindacalisti aggiungono che “la decisione di sforare una deroga già al limite da parte della ministra ci fa riflettere sul fatto che al prossimo rinnovo sarà forse il caso di abbassare la soglia delle deroghe”.

Uiltrasporti anticipa anche che la deroga potrebbe riguardare le undici ore di riposo giornaliero degli autisti, un tempo considerato “ad abbattere i livelli di stress che la guida dei mezzi pesanti comporta, per riequilibrare le capacità psico-fisiche degli autisti, per la sicurezza loro, del trasporto e della circolazione”. Anche sui social network si rilevano numerosi proteste contro le deroghe sui tempi di guida e di riposo da parte di singoli autisti, che sono attualmente impegnati nella parte logistica delle battaglia contro il coronavirus.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    Questo episodio di K44 La voce del trasporto spiega che cosa si deve fare, che cosa non si deve fare e che cosa è consigliato fare nel caso un veicolo industriale sia coinvolto in un incidente di qualsiasi tipo.

Logistica

  • Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    La Guardia di Finanza di Parma ha sequestrato undici milioni di euro a due cooperative del Gruppo Taddei che operano nella logistica per evasione fiscale. Occupano quasi un migliaia di persone, tra soci e dipendenti.

Mare

  • Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Alla Camera è in corso la discussione su un emendamento al Decreto Rilancio che stabilisce con chiarezza l’impossibilità dell'autoproduzione nelle operazioni di rizzaggio e derizzaggio dei traghetti. E si scalda lo scontro tra armatori e sindacati.