Array ( [0] => 32 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    Bruxelles chiarisce uso attestazione attività autista


    La Commissione Europea ha diffuso la circolare (clarification note) numero 7, che fornisce indicazioni su come interpretare la norma del Regolamento UE 165/2014 che impone la registrazione di tutte le attività svolte dall'autista, anche quando non usa il camion, per rendere più rapidi, efficienti e chiari i controlli relativi alle norme sui tempi di guida e di riposo degli autisti. In particolare, la circolare fornisce un'interpretazione dell'articolo 34 del Regolamento UE 165/2014, che impone all'autista che non può utilizzare il cronotachigrafo di segnare manualmente i tempi in cui svolge altri lavori, i tempi di disponibilità e quelli di sosta o di riposo.
    Il punto focale è il secondo paragrafo dell'articolo 34, secondo cui "gli Stati membri non devono imporre ai conducenti l'obbligo di presentazione di moduli che attestino le loro attività mentre sono lontani dal veicolo". Per prima cosa, la circolare precisa che questo articolo "non vieta l'uso di moduli da parte degli autisti per attestare le loro attività quando sono lontani dal veicolo e quando era per loro impossibile registrare tali attività con effetto retroattivo con modalità manuali". Il senso di questa norma è prevenire oneri inutili per gli autisti e promuovere l'uso del cronotachigrafo per registrare le informazioni sui tempi di guida e inattività.
    Prima di fornire le indicazioni su come comportarsi quando l'autista svolge attività che non implicano l'uso del camion, la circolare ribadisce l'articolo 17 del Regolamento EEC 3821/85 (sostituito dall'articolo 36 del Regolamento EU 165/2014), secondo cui l'autista deve produrre e presentare alle Autorità di controllo le informazioni del cronotachigrafo, comprese quelle inserite manualmente, del giorno corrente e dei 28 precedenti. Questo obbligo è ribadito dall'articolo 6 del Regolamento EU 561/2006, che impone all'autista di registrare le altre attività e le disponibilità in ogni giorno da suo ultimo risposo quotidiano o settimanale, e non solo per i giorni in cui l'autista svolge attività connesse con gli scopi del Regolamento (ossia la guida di camion).
    "Sarebbe in contrasto con gli obiettivi e lo spirito del Regolamento, se bisogna registrare solo i dati del giorno in cui viene svolta la guida", afferma la circolare. Quindi, bisogna considerare anche le altre attività lavorative esterne al trasporto o quelle con legate direttamente alla guida perché richiedono un affaticamento dell'autista, contribuendo alla sua salute e alla sicurezza stradale.
    L'articolo 11 della Direttiva 2006/22/EC afferma che in alcune situazioni in cui l'autista è lontano dal veicolo, all'interno del periodo di 28 giorni, bisogna usare una modalità di registrazione elettronica e stampabile fissata dalla decisione della Commissione 9895 del 14 dicembre 2009. Questa "attestazione di attività" serve per registrare le informazioni che non sono rilevate dal cronotachigrafo tramite inserimento manuale.
    Tutte queste prescrizioni, precisa la circolare, devono essere considerate in modo unitario. Quindi, l'autista è sempre obbligato a produrre e presentare tutte le informazioni del cronotachigrafo degli ultimi 28 giorni, più quello corrente. Queste registrazioni devono coprire tutti i periodi di attività (guida, disponibilità, guida per altri scopi, altri lavori, eccetera) e inattività (soste, riposo, ferie, malattie, eccetera) per ogni giorno. Nei casi in cui l'autista è lontano dal veicolo e non può quindi usare il cronotachigrafo per ciascun giorno, queste informazioni devono essere registrate in modo retroattivo usando l'introduzione manuale nel cronotachigrafo il giorno stesso in cui l'autista attiva l'apparecchio dopo che si è allontanato dal veicolo.
    Se, per motivi tecnici, egli non può attuare questa registrazione retroattiva (come avviene con la prima generazione di cronotachigrafi digitali) o essa è eccessivamente gravosa (per esempio l'autista ha svolto altre attività per un lungo periodo di tempo), può usare il modulo standard fissato dalla decisione della Commissione 9895, così da coprire i periodi mancnati sul cronotachigrafo. La circolare conclude che gli Stati membri devono accettare questa attestazione standard in tali situazioni giustificate, ma nello stesso tempo non devono imporne l'uso (anche di altri modelli analoghi) e non devono sanzionare gli autisti per la mancanza di tale modulo.

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

     


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

     bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

    Teleroute affronta il futuro con un fermo impegno sulla sicurezza
    Accordo tra Astre Italia e Keepintouch sui servizi alle flotte
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee
    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio
    Menu completo d’intralogistica per gli associati Astre
    LCT collabora con la Protezione Civile contro la Covid-19
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    previous arrow
    next arrow
    Slider

     

Videocast K44

Autotrasporto

Mare

TECNICA

Aggancio automatico del semirimorchio di Jost

TECNICA

K44 Tecno: al volante (virtuale) del nuovo Renault Trucks T

TECNICA

Boston Dynamics presenta un robot per caricare i camion

TECNICA

K44 videocast: Bruxelles prepara l’Euro VII per il diesel

TECNICA

Nuovo semirimorchio granvolume e leggero di Kögel
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Prosegue lo sciopero SiCobas alla FedEx

LOGISTICA

Amazon avvia apprendistato per manutenzione nella logistica

LOGISTICA

Via ai cantieri per logistica Amazon di Vicenza

LOGISTICA

Ceva lancia la divisione Forpatients per la logistica sanitaria

LOGISTICA

Alleanza giapponese per il camion elettrico
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

Camionisti esonerati dal tampone Covid tra GB e Francia

BREXIT

La Brexit svuota l’export britannico

BREXIT

Eurotunnel offre lo sdoganamento digitale

BREXIT

Nuovo quadro giuridico per eTir dal 25 maggio

BREXIT

La Brexit frena anche Amazon in Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Piano di sorveglianza ministeriale per le gallerie

CAMIONSFERA

K44 podcast: come funziona l’assistenza 24h dei camion

CAMIONSFERA

Assolti due dirigenti Michelin per incidente a camionista

CAMIONSFERA

Bando per formazione autisti container

CAMIONSFERA

La Francia rifinanzia e rilancia la Torino-Lione

CAMIONSFERA

Ferrovie tedesche in contropiede sulla frana del Reno

CAMIONSFERA

Il Canale di Suez sta potenziando la sicurezza della navigazione

CAMIONSFERA

Il raddoppio della ferrovia adriatica fa solo un mezzo passo

CAMIONSFERA

Progetto di nuovo canale tra Mar Rosso e Mediterraneo

CAMIONSFERA

Libera circolazione dei camion per tutto aprile

CAMIONSFERA

Campagna di controlli nell’autotrasporto animali a Pasqua

CAMIONSFERA

Test anti-Covid per camionisti che entrano in GB

CAMIONSFERA

Scoperta frode fiscale nel commercio di camion

CAMIONSFERA

Camionisti esonerati dal tampone Covid tra GB e Francia

CAMIONSFERA

Arriva dalla pioggia l’energia per muovere i camion
previous arrow
next arrow
Slider